Coronavirus: dal 27 aprile il cibo d’asporto sarà consentito, riaperte anche cartolerie e librerie

In Campania, dal 27 aprile, sarà possibile consegnare il cibo d’asporto. Riaperte anche librerie e cartolerie.

Finalmente arriva l’ok: in Campania dal 27 aprile sarà ammesso il cibo d’asporto e, di conseguenza, saranno riammesse tutte quelle attività che daranno garanzia con le norme esistenti ad evitare il contagio da Coronavirus.

In Campania si ritorna a lavorare nella ristorazione

La decisione è stata presa dopo un lungo dibattimento tramite una riunione per mettere a punto tutte le misure precauzionali, sia per i clienti che per i dipendenti, e per dare la possibilità e far riaprire le attività che possono offrire il servizio delivery.

La prima cosa che bisognerà fare, per tutti quelli che decideranno di riaprire l’attività, saranno gli interventi di sanificazione. Insieme al via libera delle attività del cibo d’asporto, è stato dato anche il via libera a cartolerie e librerie, in un primo momento bloccate in Campania; dovranno anche loro sanificare gli ambienti.

La fase 2 è stata rimandata al mese di maggio, come d’altronde è stato annunciato dal premier Conte. Tutte le attività che riapriranno, per garantire dipendenti e clienti, devono garantire interventi di disinfezione e sanificazione fatta all’interno dei locali commerciali, delle cucine e dei depositi.

La questione del cibo d’asporto, in particolare delle pizze, era stato sollevato la settimana scorsa da Gino Sorbillo,che aveva fatto un appello al presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, che a sua volta gli aveva risposto che la riapertura sarebbe avvenuta solo con dati scientifici confortanti.

Qualche giorno fa De Luca aveva dichiarato che avrebbe dato un bonus di 2mila euro a allettività, se le stesse non fossero state riaperte in contemporanea a dati confortanti, per cui adesso viene annullato quello detto in precedenza; anche se pensiamo che i 2mila euro si sarebbero potuti dare lo stesso alle attività, per aiutarle a causa di quello che hanno perso fino ad oggi e per pagare le mensilità dei locali.

Questa l’ordinanza della Regione Campania in vigore dal 27 aprile fino al 3 maggio, che stabilisce le modalità e gli orari di apertura delle seguenti attività:

  1. Bar e pasticcerie: orario di apertura 07,00-14,00, attività di consegna a domicilio previa prenotazione telefonica ed online.
  2. Ristoranti, pub, pizzerie, gastronomie e gelaterie: orario di apertura 16,00-22,00, attività di consegna a domicilio previa prenotazione telefonica ed online.
  3. Cartolerie e librerie: orario di apertura 08,00-14,00, accessi regolamentati e scaglionati, presenza di un addetto e un cliente.

Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp