Cancro al fegato, si potrà curare, una scoperta rivoluzionaria

Cancro al fegato, sarà possibile curarlo, una scoperta rivoluzionaria. Uno studio sulle cellule T umane geneticamente modificate che sono efficaci nel combattere questa terribile malattia.

Gli scienziati hanno sviluppato una terapia genetica che combatterà il cancro al fegato. Lo studio è stato condotto presso il Georgia Cancer Center. La ricerca è stata effettuata con topi geneticamente modificati per rispondere agli antigeni umani sono stati esposti ad un antigene comunemente riscontrato nel cancro del fegato umano.

L’antigene ha attivato il sistema immunitario e alcune cellule T di topo hanno sviluppato la capacità di attaccare il cancro del fegato. I ricercatori hanno prelevato geni che codificano i più potenti recettori dell’antigene del cancro del fegato presenti sulle cellule T del topo e li hanno trasfettati in cellule T umane.

Le cellule T umane ingegnerizzate risultanti hanno anche preso di mira il cancro, senza danneggiare cellule epatiche sane. Uno degli autori dello studio Yukai ha dichiarato: “Queste cellule T sono molto potenti e possono uccidere il cancro del fegato umano sia in un piatto che in un topo”.

Come riportato nella rivista Hepatology , i grandi tumori del fegato in topi relativamente piccoli hanno iniziato a regredire circa 20 giorni dopo il trattamento e sono scomparsi completamente entro il 41° giorno con l’aiuto di uno dei recettori.

I casi di cancro al fegato negli ultimi anni sono aumentati,secondo i Centers for Disease Control and Prevention, l’incidenza di nuovi casi di cancro al fegato nel Regno Unito è aumentata del 38% tra il 2003 e il 2012. Nel 2012, quasi 23.000 persone sono morte per cancro al fegato, che rappresenta un aumento del 56% dei decessi dal 2003. Successivamente, Yukai prevede di collaborare con l’ospedale Piedmont Atlanta (USA) per recuperare cellule T, cellule cancerose del fegato e tessuto sano da pazienti sottoposti a intervento chirurgico e per posizionare i geni del recettore del topo su quelle cellule T.

 Le cellule saranno quindi monitorate in un piatto per vedere quanto combattono i tumori del fegato e come reagiscono ai tessuti sani. Yukai afferma che se le cellule T producono un attacco robusto contro il cancro, senza danneggiare le cellule sane, il prossimo passo sarebbe testare il trattamento negli studi clinici. Ora che abbiamo questi geni del recettore delle cellule T, potremmo essere in grado di umanizzare i geni per aiutare i pazienti, ha dichiarato il co autore Yukai He.

Cancro: i 9 alimenti da evitare in assoluto

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”