Canone di affitto: sconti e riduzioni per Coronavirus, le ultime novità

I proprietari e gli inquilini dovranno seguire nuove linee, affinché si applichi la riduzione del canone di affitto. Da rispettare in forma obbligatoria la compilazione del modello 69, e non solo. Tutte le info.

Per poter beneficiare della riduzione del canone di affitto, è necessario che i proprietari e gli inquilini seguano le nuove linee guida. Prevista la registrazione dell’accodo tra le parti entro 30 giorni, sia per la diminuzione del canone di locazione, sia per scansare il pagamento delle imposte che cadono sugli affitti non riscossi.

Gli inquilini e proprietari possono accordarsi a fronte di questo periodo così gravoso economicamente per le aziende e per le famiglie per richiedere la riduzione del canone di locazione. Dovuto alla difficoltà di reperire la liquidità necessaria a coprire i fabbisogni familiari, con l’imminente crisi sanitaria ed economica per l’effetto dell’epidemia da Covid-19.

L’atto potrà essere trasmesso attraverso i canali telematici con email online, anche senza la Pec (posta certificata). L’Agenzia delle Entrate nella circolare n. 8 ha previsto la chiusura da Coronavirus anche per quanto riguarda la registrazione degli atti, come appunto, quello di locazione. Ciò significa che, si può anche attendere la riapertura degli uffici per potere registrare l’accordo.

Canone di locazione: l’accordo si estende a tutti i contratti di affitto

Non vi è alcuna postilla di esclusione, ciò vuol dire che tutti gli inquilini indipendentemente dalla tipologia del contratto di locazione possono richiedere la riduzione del canone di affitto. Ai sensi dell’articolo 10 del decreto Legge n. 133/2014, l’accordo potrà essere richiesto sia per le abitazioni, sia per i locali commerciali. Nessuna norma che limiti la durata del contratto, né che si riferisca al tipo di regime fiscale, ossia tassazione ordinaria o cedola secca. La registrazione dell’atto non implica l’esborso di ulteriori spese, privo anche d’imposta di bollo.

Canone di affitto: cosa indicare nell’atto di accordo

Nell’atto di accordo vano riportati i riferimenti del contratto, comprensivo dei dati sia del proprietario che dell’inquilino e, l’importo del canone annuale. In più, è necessario indicare la somma oggetto dell’accordo tra le parti e, il periodo per cui si protrae la riduzione dell’affitto (il numero dei mesi). Infine, va datato e sottoscritto.

Attraverso la registrazione dell’accordo di riduzione il proprietario verserà le imposte solo sul canone versato dall’inquilino, ossia sulla parte realmente riscossa.

Canone di locazione: quali documenti presentare per la riduzione?

Dal sito dell’Agenzia delle Entrate è disponibile il modello 69 da scaricare e compilare. Nel modello occorre riportare tutti i dati del contratto e dei codici del modello RLI.  Una volta stilato il modello dovrà essere rinviato all’ufficio con in allegato l’atto di accordo. Si precisa che i documenti dovranno essere trasmessi all’ufficio dell’Agenzia delle Entrate, dove è avvenuta la prima registrazione del contratto di locazione. Quando il Governo dichiarerà cessata l’emergenza da Covid-19, bisognerà depositare i documenti (originali) presso l’ufficio.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare l’Agenzia delle Entrate attraverso il numero verde 800.90.96.96 (rete fissa), oppure, 06/96.66.89.07 (rete mobile).


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Antonella Tortora

Analista Contabile, collaborato con diversi quotidiani online. Adoro scrivere, ogni notizia è degna di essere vissuta, raccontata, con cuore, emozione, passione. Raccontarle serve a renderle uniche, se non raccontate finirebbero nel labirinto del dimenticatoio. Resta un'unica verità ogni storia incorpora una piccola parte di me, che emerge in un angolino nascosto. Citazione preferita: “Il valore di una persona risiede in ciò che è capace di dare e non in ciò che è capace di prendere.” Albert Einstein