Canone Rai 2020: novità rimborso, requisiti e domanda

Chi ha diritto al rimborso del canone Rai 2020? Come richiedere la restituzione delle somme versate a titolo di canone Rai nella bolletta dell’energia elettrica? Istruzioni, requisiti e domanda.

Il Canone Rai viene pagato nella bolletta dell’energia elettrica, seppur in tanti abbiamo aspettato con trepidazione che passasse la proposta di legge sull’abolizione del canone Rai, questo non è avvenuto. Tuttavia, resta la possibilità di richiedere il rimborso della quota relativa al canone di abbonamento alla televisione italiana, versato ma non dovuto.  L’Agenzia delle Entrate ha approvato il modulo per la restituzione della somma del canone Rai addebitata nella bolletta elettrica.

Canone Rai 2020: chi ha diritto al rimborso?

Come riportato dall’Agenzia delle Entrate, possono richiedere il rimborso il titolare della fornitura elettrica, nonché gli eredi. Attraverso il provvedimento emanato il 2 agosto 2016 l’Agenzia delle Entrate ha disposto la pubblicazione dei moduli per richiedere il rimborso dell’addebito del canone di abbonamento Rai pagato attraverso la fornitura elettrica.

Per richiedere la restituzione della somma relativa al pagamento dell’abbonamento del canone Rai, avvenuto attraverso il canale di addebito della bolletta dell’energia elettrica, è necessario scaricare l’apposito modello disponibile sul sito web dell’Agenzia delle Entrate (agenziaentrate.gov.it). Entrare nella sezione dedicata alle “agevolazioni, canone TV, modelli e istruzioni” e procedere con la compilazione del modulo in tutte le sue parti.

Canone Rai 2020: dove inviare la domanda di rimborso?

L’istanza di rimborso, può essere invita attraverso due modalità, quali:

  • Poste Italiane, inviando la domanda attraverso una raccomandata, allegando il documento di riconoscimento a: Agenzia delle Entrate, Direzione Provinciale 1 di Torino, Ufficio Canone TV – Casella Postale 22 – 10121 Torino;
  • trasmettere l’istanza di rimborso dell’abbonamento del canone con la procedura online attraverso la posta elettronica certificata (PEC) all’indirizzo email  cp22.canonetv@postacertificata.rai.it, con l’apposizione della firma digitale.

Il richiedente o gli eredi che presentano la domanda per ottenere il rimborso del Canone Rai, devono indicare nell’istanza la motivazione per cui chiedono il rimborso.

Canone Rai 2020: chi rilascia il rimborso dell’abbonamento?

L’Agenzia delle Entrate riceve la richiesta di rimborso del canone Rai, e procede alla verifica dei richiesta. Nel caso di esito positivo, procede alla comunicazione alla società elettrica che entro 45 giorni provvede alla restituzione della somma.

I rimborsi vengono gestiti dalla società, la quale provvede a rilasciare la somma nel modo più rapido, ossia accreditando l’importo sulla bolletta di luce. Nell’ipotesi in cui la restituzione della somma relativa al canone Rai subisca delle alterazioni, e la procedura non si completi con successo, il rimborso sarà erogato dall’Agenzia delle Entrate.

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Antonella Tortora

Analista Contabile, collaborato con diversi quotidiani online. Adoro scrivere, ogni notizia è degna di essere vissuta, raccontata, con cuore, emozione, passione. Raccontarle serve a renderle uniche, se non raccontate finirebbero nel labirinto del dimenticatoio. Resta un'unica verità ogni storia incorpora una piccola parte di me, che emerge in un angolino nascosto. Citazione preferita: “Il valore di una persona risiede in ciò che è capace di dare e non in ciò che è capace di prendere.” Albert Einstein