Canone RAI: attenzione al rimborso truffa

Attenzione alla truffa del rimborso del Canone RAI.

Già da un pò di tempo si stanno verificando parecchie truffe online che stanno colpendo migliaia di utenti italiani. In un primo momento quelli oggetti di truffa sono stati i clienti degli istituti bancari, poi è toccato agli operatori telefonici tra cui Vodafone, Tim, Wind e Tre, ma da un pò di tempo, come è solito fare dagli hacker, si è deciso di cambiare preda.

Attenzione ai falsi rimborsi del canone RAI

Negli ultimi giorni sono stati presi di mira i consumatori che hanno ricevuto delle finte email che avvisano l’utente di un possibile rimborso del Canone RAI. Le più colpite sono state le persone che di recente avevano criticato sui social con i propri profili la tassa che la RAI impone di pagare.

Si stanno moltiplicando nelle ultime ore le email che stanno arrivando ai contribuenti dalla Agenzia delle Entrate, se ne contano circa 10mila, dove citano un ipotetico rimborso del Canone RAI, riportando il seguente testo:

Gentile contribuente, con la presente desideriamo informarla che le è stato riconosciuto il diritto parziale al rimborso del canone RAI, per un ammontare di X euro. A causa di un errore automatico, lei ha versato una cifra in eccesso rispetto al dovuto e ha quindi ha diritto al rimborso della somma. Una volta inviata la richiesta l’importo accreditato sarà visualizzato sul suo estratto conto secondo i tempi previsti dalla sua banca”.

Se per caso avete ricevuto un’email del genere fate attenzione e sappiate bene che siete vittima di una truffa. In questi casi l’Agenzia delle Entrate avvisa i cittadini tramite posta ordinaria.

Non in ultimo si è parlato spesso dell’abbonamento RAI e ci sono sempre più conferme che la società non ha nessuna intenzione di eliminare il canone per la televisione italiana, figuriamoci se ci fosse solo un pensiero lontano di fare rimborsi.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp