Carlo Cracco, il bello delle cucine italiane, ha detto “SI”

Carlo Cracco, il bello delle cucine italiane, ha detto “SI” ieri pomeriggio alle 17.00, con festa a sorpresa, o quasi.

Carlo Cracco si è sposato ieri pomeriggio intorno alle 17 con rito civile. Lo chef, chiamato il “bello delle cucine italiane” era già stato spostato e con la prima moglie ha due figlie: Sveva 15 anni e Irene 11 anni.

Lo chef ha sposato la sua compagna Rosa Fanti di 35 anni, dopo dieci anni di relazioni e due figli: Pietro di 5 anni e Cesare di 3 anni.

L’invito riportava

“Festa con sorpresa per la chiusura del ristorante di via Hugo”.

La ragione della festa per 200 persone presso il «Carlo e Camilla in segheria», il bistrot milanese di Cracco, è per il suo matrimonio.

Il matrimonio si è tenuto a Palazzo Reale, a Milano, il testimone il suo amico e socio al “Garage Italia” Lapo Elkann.

L’effetto sorpresa per gli amici non è riuscito, perché la notizia è uscita dopo le pubblicazioni sul sito del Comune, lo scorso dicembre.

Contraffazione e truffa alimentare, essere Cannavacciolo non è un nulla osta (il caso)


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”