Carta del docente 2019: il 31 dicembre 2018 termine ultimo per  il bonus 2016/17

Carta del docente: il bonus 2016/2017 va speso entro il 31 dicembre 2018. Ecco tutte le novità

Come si era stabilito il bonus erogato a ogni insegnante di ruolo nelle scuole pubbliche va speso entro il termine di 2 anni, quindi il bonus 2016/2017 entro il 31 dicembre 2018.

La Carta del docente è un’iniziativa del Ministero dell’Istruzione, prevista dalla legge 107 del 13 luglio 2016, ovvero della famosa Buona Scuola.  Ma ancora oggi, molti docenti hanno difficoltà nell’utilizzare questo strumento, non avendo ancora chiaro i termini di utilizzo.

Carta del docente: borsellino elettronico

Sul borsellino elettronico, ci sono le somme riconosciute per l’anno scolastico 2018-2019, quelle residue dei bonus dei due anni scolastici precedenti (2016/17 – 2017/18). Facciamo presente che l’importo residuo del bonus 2016/17 dovra essere spese entro il 31 dicembre 2018, mentre quello del 2017/18 entro il 31 agosto prossimo. Infatti, Il bonus non si cumula nel tempo: i 500 euro di bonus annui vanno spesi entro 2 anni altrimenti si perdono.

Carta del docente: lo storico

Nello storico portafoglio, i docenti hanno la possibilità di visualizzare le somme residue dei bonus precedenti e anche l’importo speso in ogni anno. Quindi il docente può avere tutto sotto controllo con un elenco dettagliato dei crediti spesi e dei residui del bonus Carta docente.

Carta del docente: le novità

Il Ministero dell’Istruzione ha inoltrato un avviso con due novità: una quella che abbiamo già riferito, il bonus 2016/2017 va interamente usufruito entro il 31 dicembre 2018, pena la sua perdita, l’altra novità è che dal 1° gennaio 2019 ogni docente non potrà avere nello storico portafoglio più di 1.000 euro.

carta-del-docente-2018-2019-bonus-di-500-euro-da-settembre-tutte-le-novita

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.