Ceretta araba fai da te, ecco come farla a casa in modo semplice e naturale

-
26/04/2018

La ceretta araba è un modo di depilazione molto semplice ed efficace da preparare a casa propria. Sono molte le donne che la utilizzano.

Ceretta araba fai da te, ecco come farla a casa in modo semplice e naturale

I tempi, si sà, non sono dei migliori e molte donne ricorrono a vie alternative nella bellezza. Un esempio è la ceretta araba, naturale, usata sia nei centri estetici che a casa. Si, perché è possibile riprodurla a casa propria, è molto semplice da fare e ,soprattutto, è naturale.

COS’E’

Il vero nome della ceretta araba è Sokkar, ma è chiamata anche Halawa, era ed è ancora oggi molto diffusa nel medio-oriente. Grazie, poi, al processo di emigrazione della popolazione, la ceretta araba è giunta nei luoghi del mondo occidentale. Molto in uso oggi soprattutto in questa nuova area di arrivo, la ceretta araba è ottima per le pelli sensibili. Nonostante questo, è usata anche per tutte le altre tipologie di pelli.

COME SI PREPARA

La ceretta araba è idrosolubile e non presenta controindicazioni, però è necessario seguire attentamente il processo per realizzarla. Sebbene sia molto semplice a primo impatto, è importante che alla fine del processo arrivi ad avere un colore specifico ed una data consistenza.
Ingredienti:
o 1 bicchiere di zucchero di canna o bianco
o il succo di mezzo limone
o 1 bicchiere scarso di acqua
o a piacere 1 cucchiaino di miele e un pizzico di sale
Prima cosa da fare è versare in un pentolino antiaderente il succo di limone con lo zucchero e mescolarlo con un cucchiaio di legno a fuoco lento. Va bene anche una frusta di acciaio. In seguito, si aggiungono a dosi a piacere, il miele ed il sale. Lasciare bollire per 10 minuti e continuare a mescolare. Si  noterà che il passaggio del composto dal trasparente al colore bianco, con una leggera schiuma. Dopo, la ceretta araba arriverà ad avere il colore giallo-ambra, molto simile al miele scuro. Infine, spegnere il tutto e versare il composto in un recipiente e lasciarlo raffreddare. Attenzione! E’ meglio non utilizzare contenitori di plastica, molto consigliabile è un barattolo di vetro.


Leggi anche: Pensioni, la ricerca Schroders: ecco perché gli italiani sono i più preoccupati d’Europa

COME APPLICCARLA

Quando poi la ceretta araba si sarà raffreddata, ed avrà una consistenza morbida, non liquida e nemmeno troppo solida, si potrà utilizzare. Si inizia col lavarsi le mani ed iniziare a manipolare il composto, come se fosse pongo, ed arriverà ad avere un colore più dorato e non più trasparente. Per capire di aver fatto un buon lavoro, la ceretta araba arriverà ad essere sì appiccicosa, ma non rimarrà sulle dita o sulla pelle. Una volta pronta, bisognerà realizzare una palla da stendere sulla zona della pelle che si vuole lavorare, seguendo la direzione del pelo, e poi tirate come una normale ceretta. La particolarità della ceretta araba è che non necessita di una stoffa per lo strappo, ma bensì basta la sua stessa consistenza.

DOVE APPLICARLA

Oltre alle gambe, la ceretta araba è super indicata per zone molto delicate come le ascelle, l’inguine ed il baffetto. I residui si tolgono con l’acqua e si possono conservare in frigo o congelatore. Per riportali in vita bisogna utilizzare il bagnomaria.

Depilazione femminile e non: consigli utili e la sua evoluzione nel tempo