Caso Carrisi: le parole di Yari Carrisi riguardo Ylenia

Si torna ancora al parlare del caso Carrisi, di quella scomparsa che ha lasciato un vuoto incolmabile in tutto lo stivale e nei cuori della famiglia di Ylenia. Un caso che forse resterà per sempre un mistero o che potrebbe essere risolto per ottenere quella verità di cui la famiglia Carrisi ha un tale bisogno. […]

Si torna ancora al parlare del caso Carrisi, di quella scomparsa che ha lasciato un vuoto incolmabile in tutto lo stivale e nei cuori della famiglia di Ylenia. Un caso che forse resterà per sempre un mistero o che potrebbe essere risolto per ottenere quella verità di cui la famiglia Carrisi ha un tale bisogno. Ma qual è stata la reazione di Yari Carrisi, il secondogenito della storica coppia formata da Al Bano Carrisi e Romina Power, all’accaduto?

Sicuramente l’intera vicenda deve essere stata altamente struggente per Yari che, all’epoca, era soltanto un ragazzino. Da un momento all’altro una famiglia è stata praticamente distrutta. Yari, come i suoi fratelli, si sono trovati in una situazione assurda fatta di una incessante ricerca e di tanto dolore.

Yari Carrisi

La continua presenza di Ylenia

Yari Carrisi in un’intervista risalente ad un anno fa racconta: “Quando siamo arrivati a Quito, mi sono tornati subito i flashback dell’ultima volta in cui ho parlato con Ylenia, nel 1993”.

Yari parla di Ylenia come se fosse una presenza costante nella sua vita, come se potesse parlargli. Insomma, come se fosse ancora viva. Infatti, Yari rivela che ha sentito Ylenia al suo fianco anche quando ha fatto parte del reality Pechino Express.

“Dal primo giorno, mi sono svegliato di notte e sentivo la sua voce che mi parlava e, per tutte le altre notti, la sentivo con me”.

In più, durante l’intervista, Yari Carrisi menziona alcune coincidenze facendo, tra l’altro, riferimento all’ex Naike Rivelli.

“C’erano tanti segni, come Naike che andava a scuola con lei e la Barale che faceva il suo stesso lavoro: era impossibile non pensarci. Sentivo di dover condividere il mio ricordo, anche se ho fatto piangere pure i cameramen”.

Sono queste parole colme di tristezza e nostalgia ma che, allo stesso tempo, fanno pensare ad Ylenia come un sostegno in grado di dare forza nei momenti più ardui.

Per altre informazioni sul caso Carrisi:

https://www.notizieora.it/notizie/ylenia-carrisi-ancora-viva-o-deceduta-il-caso-si-riapre/

https://www.notizieora.it/notizie/caso-carrisi-romina-power-torna-a-parlare-della-figlia/


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Rita Cavallaro

Ciao! Mi chiamo Rita e sono un'appassionata di cinema, arte, musica, libri, fotografia, danza e di tutto ciò che mi permette di esprimermi e di farmi stare bene. Mi piace scrivere e viaggiare. Adoro il vintage e mi piacerebbe essere vissuta negli anni 70'-80'!
Follow Me: