Cassa integrazione: arrivano i soldi sul conto corrente e PostePay

Cassa integrazione in arrivo i soldi sul conto corrente, la circolare Inps n. 84 del 10 luglio 2020 ha chiarito alcune modalità e correzione di errori da parte dei datori di lavoro, così da procedere al pagamento. Le ultime novità.

Cassa integrazione, arrivano continue lamentele da parte dei lettori che non ricevono il sussidio per la sospensione dell’attività lavorativa. L’Inps, in questi giorni, dopo il decreto legge “Rilancio” ha emanato una circolare con chiarimenti sull’erogazione della cassa integrazione Covdi-19, e inoltre, sempre nella circolare definisce le modalità di pagamento. 

Cassa integrazione: circolare Inps n. 84/2020

L’iter burocratico della cassa integrazione ha bloccato molti aventi diritto. In effetti l’Inps riconoscerà un’ulteriore proroga a tutti i lavoratori la cui attività sia ridotta o sospesa per effetto emergenza da Covid-19. La proroga si protrae per un massimo di diciotto settimane. Inoltre, L’Inps nella circolare chiarisce che bisogna usufruire della proroga necessariamente entro il 31 agosto 2020. I datori di lavoro potranno utilizzare la cassa integrazione per ulteriore quattro settimane per il periodo intercorrente tra il 1° settembre al 31 ottobre. Per questo nuovo periodo bisogna inviare una nuova istanza. 

Inoltre, le aziende che risiedono nella zona rossa, l’intervento della sospensione dal lavoro per cassa integrazione Covid e ordinaria, è rafforzato da ulteriori tredici settimane, autorizzando in tutto 27 settimane. 

Cisoa per i dipendenti delle aziende agricole

Le disposizioni sono diverse per i lavoratori di aziende agricole, che affrontano giorno dopo giorno la crisi del settore economico dovuto all’emergenza sanitaria da Covid-19. La Cisoa sarà accessibile fino a novanta giorni di integrazione salariale per i lavoratori del settore agricolo. Questa misura sarà valida anche per i lavoratori che non hanno maturato i requisiti di anzianità lavorativa prevista dalla normativa. 

La circolare Inps oltre a chiarire alcuni aspetti fondamentali per la cassa integrazione guadagni, mette a fuoco anche gli innumerevoli errori formati e trattamenti errati che hanno bloccato le pratiche di molte lavoratori, di conseguenza non sono state erogate l’indennità. Sono oltre 150mila richieste di Cig – Cigo che non sono state erogate e attendono il benestare dell’Inps. 

Quando arrivano i soldi?

L’Inps con la circolare in oggetto, ha predisposto la possibilità per i datori di lavoro di correggere gli errori in modo da poter erogare il prima possibile le dovute spettanze. L’ente invita i datori di lavoro a collegarsi alla propria aria personale del portale Inps e procedere con le rettifiche, al fine di accreditare gli importi dovuti ai lavoratori sul conto corrente comunicato in sede di domanda. 

Ti potrebbe interessare anche: Cassa integrazione e bonus 600 euro: al via i controlli dell’Ispettorato con i dati Inps, assegno a rischio


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”