Cassa integrazione Covid-19 e permessi legge 104: posso avere entrambi?

Cassa integrazione per COVID-19 e permessi legge 104 di 12 giorni in più nei mesi di marzo e aprile, si perdono o si possono recuperare? Rispondiamo a questa domanda.

Per l’emergenza coronavirus, il decreto “Cura Italia” ha stabilito che tutte le aziende che sono costrette a bloccare o ridurre l’attività per l’emergenza Coronavirus possono richiedere la CIGO o l’assegno ordinario ai fondi di solidarietà, compreso il Fsi Inps (aziende che hanno una forza lavoro con più di cinque dipendenti). Il periodo dovrà essere compreso dal 23 febbraio al 31 agosto considerando le nove settimane e non oltre. Inoltre, ha esteso i permessi legge 104 per lavoratori invalidi e Caregiver, di 12 giornate in più da fruire nei mesi di marzo e aprile.

Cassa integrazione e permessi legge 104

Un lettore ci chiede: Buongiorno, per il settore privato che per i primi 10 giorni di marzo ha lavorato e per i rimanenti sto facendo cassa integrazione i giorni di 104 di riducono o sono confermati i 12 giorni in via straordinaria?

Analizziamo cosa prevede la normativa.

Compatibilità ed esclusioni

Il decreto-legge “cura Italia” prevede l’estensione delle 12 giornate in più ai tre giorni mensili per il mese di marzo e di aprile (in totale 18 per i mesi di marzo e aprile). Il  messaggio Inps n. 1271 del 20 marzo chiarisce che  è possibile cumulare:

√ nell’arco dello stesso mese il congedo COVID-19 con i giorni di permesso retribuito per legge 104 così come estesi dal decreto Cura Italia (6 + 12 per marzo e aprile).

√ nell’arco dello stesso mese il congedo COVID-19 con il prolungamento del congedo parentale per figli con disabilità grave.

Inoltre, il messaggio sopra citato, chiarisce che l’estensione dei permessi legge 104 segue le stesse modalità già esistenti per i tre giorni mensili

Il principio non cambia, quindi, la normativa in riferimento alla cassa integrazione e la fruizione dei permessi legge 104 prevede che i lavoratori in cassa integrazione non possono fruire dei permessi legge 104 art. 3 comma 3 per assistere il familiare con handicap grave durante il periodo di sospensione dell’attività lavorativa.

In quanto il lavoratore è già assente dall’attività lavorativa e può dedicarsi alla cura del familiare.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”