Cassa integrazione e tredicesima: come viene effettuato il calcolo?

Cassa integrazione e tredicesima mensilità, come viene effettuato il calcolo e quanto si perde? Ecco tutte le informazioni inerente le retribuzioni e l’influenza degli ammortizzatori sociali.

Con l’emergenza Covid-19, molte aziende hanno messo in cassa integrazione i loro dipendenti. Grazie anche alla cassa integrazione speciale Covid emanata dal Governo per far fronte alla crisi economica in Italia. La cassa integrazione si configura negli ammortizzatori sociali e permette la sospensione dall’attività di lavoro, per un determinato periodo di tempo con una riduzione della retribuzione.

Cassa integrazione e calcolo della tredicesima mensilità

Tanti i dubbi di come influenzi lo stipendio la cassa integrazione, e come sarà calcolata la tredicesima. Ci è arrivata nella nostra mail di consulenza, la seguente richiesta: “Buongiorno, vorrei porre questo quesito! Nel corso dell’anno 2020 ho lavorato solo gennaio e febbraio, da marzo a dicembre sarò in cassa integrazione, la tredicesima come verrà calcolata, solo sui 2 mesi lavorati o sull’intero anno? Grazie ,porgo cordiali saluti “.

Calcolo rateo tredicesima

La cassa integrazione è un ammortizzatore sociale in costanza di rapporto di lavoro e permette di sospendere temporaneamente l’attività lavorativa (a zero ore o parziale). 

La cassa integrazione influenza notevolmente la retribuzione dei lavoratori sotto vari aspetti. 

Oltre all’aspetto economico che influisce sulla retribuzione, c’è da considerare anche l’aspetto che concerne tredicesima, ferie, quattordicesima, malattia, TFR e infortunio.

Nello specifico in base al quesito posto, la cassa integrazione influisce sulla tredicesima me sulla quattordicesima, in quanto nel periodo di sospensione dell’attività lavorativa (cassa integrazione, il rateo non maura se non è pari o superiore a quindici giorni nel corso del mese. 

Questo per quanto riguarda la cassa integrazione a zero ore. Nel caso in esame, quindi, il calcolo della tredicesima sarà effettuato solo sui mesi effettivamente lavorati. Precisamente, solo per i mesi dei gennaio e febbraio, da marzo a dicembre il rateo della tredicesima non verrà calcolato. 

La tredicesima mensilità è corrisposta nel mese di dicembre in base ai rati maturati nei dodici mesi lavorativi (un rateo al mese). Si tratta di un riconoscimento economico aggiuntivo rispetto la normale retribuzione. È chiamata comunemente anche “gratifica natalizia”, perché coincide con le feste di Natale. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”