Cassa integrazione e modello SR41: la banca rifiuta la dichiarazione

Cassa integrazione e modello SR41, non basta la semplice dichiarazione, la banca si rifiuta di accreditare i soldi, alcuni chiarimenti e consigli su cosa fare.

Anticipo cassa integrazione con accredito diretto sul conto corrente direttamente dalla banca per poi recuperare l’importo con l’accredito dell’Inps sul conto del lavoratore. Questa misura è stata messa in atto per dare liquidità ai lavori e non aspettare i tempi burocratici dell’Inps. Purtroppo, l’anticipo sembra non funzionare correttamente e le banche chiedono il modello SR41 che l’Inps rilascia dopo tutta l’istruttoria della pratica. Cerchiamo di capire cosa sta succedendo rispondendo ad un nostro lettore. 

Cassa integrazione e modello SR41: cosa sta succedendo?

Buonasera,

mia figlia ha richiesto l’ anticipo della Cassa integrazione alla sua banca Unicredit spedendo tutti i documenti richiesti tranne il modello SR41 che il datore di lavoro non le ha ancora inviato.

Unicredit ha risposto che per lo svolgimento della pratica è obbligatorio avere questo modello in quanto si tratta di una richiesta FIS e non di Cassa integrazione in deroga?

È corretta questa interpretazione alla luce della circolare ABI del 23 aprile 2020?

Grazie per la cortese risposta.

Cordiali saluti

A cercare di risolvere questo problema l’ABI ha pubblicato una circolare il 23 aprile 2020, per velocizzare l’accredito delle somme di dovute nel periodo di cassa integrazione direttamente dalla banca come anticipo per poi recuperarle con l’accredito da parte dell’Inps sul conto corrente del lavoratore. Per evitare tempi lunghi con il rilascio del modello SR41 da parte dell’ente, l’ABI ha chiarito che il lavoratore non è obbligato a presentare il modello SR41 ma può presentare in sostituzione una semplice dichiarazione contenente l’impegno ad indicare nel modello SR41 i dati di accredito diretto sul conto corrente del lavoratore. Il problema però non si risolve per la richiesta FIS, in quanto sembra che sia rimasto fermo la richiesta del modello SR41. 

Un lettore ci ha comunicato che ha risolto il problema con la sua banca mettendo in contatto il datore di lavoro e la banca, quest’ultimo ha dovuto inviare a mezzo pec una dichiarazione di responsabilità. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”