Cellulare che si scarica troppo in fretta? Attenzione a Google Play Services

Perché il cellulare all’improvviso si scarica più del solito? La colpa non è nostra, ma di Google Play Services e abbiamo poche armi per chiedere aiuto!

Ultimamente, molte persone hanno notato un’ambiguità nel loro cellulare, in particolare, nella loro batteria: si scarica prima del previsto. State calmi, non è successo niente e non è colpa vostra ma di Google Play Service.
In pratica, Google Play Services è una di quelle applicazioni che si trova nei cellulari Android, e quindi questo problema non deve riguardare in assoluto le persone che invece usano un iPhone. Questa applicazione è presente  nei dispositivi Android già prima che noi li comprassimo. E, poiché stiamo parlando di un’applicazione che  è a tutti gli effetti di sistema, non c’e bisogno del nostro consenso per aggiornarsi. Essa si aggiorna quando Google lo decide.

Perché il mio cellulare si scarica molto in fretta rispetto al solito?

Come abbiamo già anticipato sopra, questo non è un problema di cui siamo noi stessi i responsabili, ma tutta la famiglia Google.

In particolare, il problema nasce  con l’ultima versione, la quale corrisponde alla 18.3.82, e molti utenti hanno iniziato a segnalare un problema di consumo esagerato della batteria.

Tale problema può essere facilmente identificato grazie alla lista delle applicazioni che troviamo tra le impostazioni della batteria, il luogo dove vengono elencate le più esose in termini di consumo energetico.

Quindi, se Google Play Services compare tra le prime posizioni  e se il cellulare è protagonista di cali bruschi anche durante lo stand-by, significa che purtroppo siete tra  gli sfortunati a cui il problema si sta manifestando.

Comunque, detto questo, per poter accedere alla lista dettagliata, c’è il bisogno di abilitare le applicazioni di sistema .

Questo, solitamente si fa facendo click sui  3 puntini in alto a destra.

Una volta fatto questo,  non ci resta che sperare che Google intervenga quanto prima con un fix.

Se vogliamo parlare di soluzione temporanee, vi indichiamo  il downgrade della versione oppure  il passaggio alla versione beta registrandosi sul Play Store – ma in quest’ultimo caso potete aspettarvi altrettanti bug/problemi.

Leggi anche:

238 App infette sul Play Store: con Android milioni di utenti a rischio


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.