Cessione del quinto sulla pensione per acquisto auto: età e patologia

Cessione del quinto sulla pensione, non sempre viene accettata, fondamentale il risultato della polizza vita, ecco perchè.

Cessione del quinto sulla pensione, non sempre viene riconosciuta perché la banca per concedere il prestito richiede una polizza assicurativa che dovrà valutare lo stato fisico del richiedente, e la valutazione non sempre è positiva, come il caso che vi illustreremo di un nostro lettore. 

Cessione del quinto sulla pensione: respinta

Richiesta di somma di 17000 euro per acquisto auto:  sono un pensionato ex INPDAP  tramite la finanziaria Santander ho richiesto  la somma indicata in oggetto e la loro assicurazione  mi ha rifiutato la polizza obbligatoria in base al DPR !180/1950. Specifico che  ho 79 anni  e sono affetto da DIABETE MELLITO, non altri
problemi di salute, e tutte le analisi che faccio  ogni sei mesi sono nei parametri di regolarità, compreso il fundus oculi che da sei anni  è stabile.Vorrei sapere se la cosa è regolare oppure  se l’assicurazione ha fatto una valutazione  negativa in modo abusivo,  faccio presente che pratico  il ciclismo  sia su strada che MTB  e tutti gli anni   ho avuto il certificato per la pratica agonistica e non ho mai fatto incidenti o cadute invalidanti. Ringrazio e porgo cordiali saluti.

Valutazione finale: età e patologie

Per poter accedere alla cessione de quinto per i pensionati, le banche sono obbligate alla richiesta di una polizza vita a garanzia del prestito. La procedura della cessione del quinto è regolamentato dal D.P.R. 5 gennaio 1950, n. 180, in cui all’art. 1 si legge “I prestiti devono avere la garanzia dell’assicurazione sulla vita che ne assicuri il recupero del residuo credito in caso di decesso del mutuatario”.

Quindi, la richiesta della stipula di una polizza vita è lecita e obbligatoria da parete dell’istituto di credito per il buon fine della procedura di finanziamento. Quindi, spetta alla compagnia assicuratrice valutare la posizione del richiedente e decidere se concedere, o meno, la copertura assicurativa rischio vita sulla cessione del quinto, indispensabile per l’attivazione del prestito perché è richiesto da una norma di legge.

Nella valutazione influisce anche l’età anagrafica del richiedente, unitamente all’insieme di patologie. Quindi, la valutazione è fatta nel complesso e anche in prospettiva futura. 

È un suo diritto richiedere l’esito di valutazione con risultato negativo per verificare se c’è stato un errore di valutazione. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”