Chi ha disegnato l’uomo gigante che si vede dallo spazio?

Nel Sud dell’Australia il geoglifo di un uomo gigante visibile dallo spazio resta uno dei più grandi misteri del nostro pianeta, chi lo ha disegnato?

Nel 1998 un pilota ha scoperto un geoglifo lungo 3,5 chilometri di un cacciatore inciso in un altopiano arido nel sud dell’Australia vicino alla città di Marree, da cui prende il nome l’opera d’arte. Da allora Marree Man o uomo gigante ha attirato l’attenzione internazionale con molti che cercano senza successo di scoprire come il misterioso uomo con quello che sembra essere un woomera (bastone da lancio) o un boomerang in mano, è arrivato lì.  I geoglifi, di solito realizzati con materiali di terra, sono per loro natura meglio visti dall’alto. Le famose Linee di Nazca in Perù sono altri esempi di grandi geoglifi.

Una nuova vita per l’uomo gigante di Marree si è avuta nel 2016 quando alcuni imprenditori locali, preoccupati per la perdita di quella che era diventata un’attrazione turistica, hanno deciso di ripristinare il geoglifo sbiadito. Con precise coordinate GPS per l’originale, hanno usato un selezionatore di costruzione per ridisegnare i contorni di Marree Man in un periodo di cinque giorni.

Secondo la NASA, Marree Man è stata una caratteristica di spicco nelle immagini satellitari Landsat della zona per molti anni, ma le linee si sono sbiadite nel tempo. Nel 2013 erano appena visibili nelle immagini a colori naturali acquisite dall’Operational Land Imager (OLI) su Landsat 8. L’Oli ha acquisito questa immagine il 22 giugno 2019. La NASA ha condiviso l’immagine per mostrare il successo degli sforzi del team.

Il team di restauro ha creato scanalature del vento, progettate per intrappolare l’acqua e incoraggiare la crescita della vegetazione. Nel tempo, sperano che la vegetazione trasformi le linee in verde. Anche se potremmo non conoscere mai la vera origine dell’uomo gigante di Marree, rimane un mistero intrigante e moderno. Il sito non è accessibile al pubblico, ma sono consentiti sorvolamenti nell’area.

Ti potrebbe interessare: Il mistero delle linee di Nazca, ecco quante sono


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp