Chiacchiere friabili con sanguinaccio,ricetta tradizionale napoletana

Chiacchiere friabili, dolci tipici del carnevale, accompagnate dal sanguinaccio, crema golosa a base di latte e cacao, ricette facili e semplici.

Le chiacchiere, dolci per eccellenza del carnevale buone ma soprattutto friabili. Tempo di carnevale, quindi periodo dei tanti dolci che si preparano per festeggiarlo. Le ricette delle chiacchiere, sono innumerevoli ogni regione e paese ha la sua ricetta tradizionale. Questa che poi vi racconto tra un po’; è una di quelle ricette che da quando l’ho ricevuta e provata, non l’ho lasciata più. Non occorrono molti ingredienti; le chiacchiere sono uno dei dolci più semplici, da fare, ovviamente devono essere rigorosamente fritte, inoltre accompagnate dal sanguinaccio.

Il sanguinaccio  è una crema al cioccolato in più aromatizzata con cannella; poi insieme alle chiacchiere formano la coppia perfetta. Infatti preparati e venduti sempre congiuntamente. Beh, adesso bisogna solo provarle, vi lascio la ricetta, seguitemi per voi anche un video dimostrativo.

Chiacchiere friabili con sanguinaccio

Ingredienti

Farina 500 gr

Burro  fuso 70 gr

Zucchero 50 gr

Uova 3

Estratto di vaniglia 1 cucchiaino

Mezzo bicchiere di grappa

Zucchero a velo

Olio d’arachide per friggere 1 lt

Il sanguinaccio, ingredienti

Latte 1/2 lt

Cacao 50 gr

Zucchero 250 gr

Farina 1 cucchiaio

Fecola 1 cucchiaio

Bastoncino di cannella

Bacca di vaniglia

Attrezzature

Spianatoia

Sfogliatrice

Tarocco

Rotellina tagliapasta

Padella

Pentola e pentolino

Colino

Preparazione

Su una spianatoia, versare la farina fare un buco al centro, unire le uova, poi lo zucchero, il burro sciolto e la vaniglia. Cominciare a impastare con una forchetta, raccogliendo man mano la farina, annettere un po’ alla volta la grappa, sempre mescolando, fino a raggiungere una consistenza solida. Raccogliere il panetto fra le mani e lavorare energicamente fino a quando diventa bello liscio e sodo. impasto Lasciarlo riposare una mezz’ora, intanto preparare la macchina sfogliatrice.

Sanguinaccio

In un pentolino versare il latte, con il bastoncino di cannella e la bacca di vaniglia, far bollire e spegnere lasciare in infusione. In un’altra pentola dal fondo spesso, versare lo zucchero, il cacao, la frina e la fecola, mescolare bene. Unire una metà del latte attraverso un colino, mescolare con una frusta per evitare grumi; versare l’altra metà del latte, far cuocere a fiamma bassa sempre mescolando fino a che non si addensa; il sanguinaccio è pronto.

sanguinaccio chiacchiere

Tagliare in pezzi il panetto, con un tarocco, passarle alla macchinetta partendo dalla misura bassa fino a quella più sottile, così che in cottura, possono gonfiarsi creando quelle magnifiche bollicine,  sinonimo di leggerezza e friabilità. Una volta pronte tutte le sfoglie dell’impasto, le ritagliamo con una rotellina, alcune le ho farcite con crema di nocciole, facendole ripiene; inutile dirvi che sono state molto più che gradite.stesura e farcitura

Frittura chiacchiere

In una padella versare l’olio e far riscaldare, verificare la temperatura con uno stecchino, oppure con un termometro da cucina. frittura chiacchiere

Friggere le chiacchiere poche alla volta, fino a leggera doratura, scolarle dapprima su un vassoio con carta assorbente, anche se non prendono tanto olio, poi trasferirle su un piatto da portata, man mano, cospargendole con abbondante zucchero a velo. cosparse di zucchero

Friggere anche quelle ripiene, allo stesso modo, stando attenti a non farle aprire. chiacchiere pronteAppena pronte cospargere con zucchero anche quelle ripiene, servire le chiacchiere accompagnate dal sanguinaccio.

Guarda anche: Migliaccio napoletano, dolce tipico del martedì grassochiacchiere e sanguinaccio

chiacchiere ripiene

Video: chiacchiere con sanguinaccio

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Imma Castaldo

Cucinare e impastare è la mia più grande passione che coltivo da quando ero ragazza, ricordo ancora la mia prima pasta e fagioli all'età di 13 anni. Ma la dote più innata sono i dolci, non smetterei mai di farli ma anche di mangiarli, sono molto golosa soprattutto di cose buone. Mi piace imparare e sperimentare cose nuove uso molto il lievito madre per i lievitati e di conseguenza lunghe lievitazione. Avendo anche 3 ragazzi devo sempre inventarmi qualcosa per accontentarli: dai primi piatti alla pizza; dai secondi  al fast food.