Chiudono i benzinai in Italia

I benzinai sono sul piede di guerra in Italia da domani stazioni di servizio chiuse nelle autostrade e in tangenziale, poi toccherà alle città

I benzinai sono sul piede di guerra in Italia. I rappresentanti di categoria lamentano di essere stati dimenticati dal governo italiano in questa situazione drammatica dovuta alla diffusione dell’epidemia di coronavirus. Pertanto da domani saranno chiusi i benzinai in Autostrada. Gradualmente poi toccherà anche agli altri distributori presenti dentro e fuori alle città. Le stazioni di servizio lamentano cali fino all”85% rispetto alle medie.

Da domani 25 marzo chiudono i Benzinai nelle autostrade e tangenziali, poi toccherà alle città

Le chiusure dei benzinai partiranno dalla notte del 25 marzo in Autrostrada. Lo hanno comunicato Faib, Fegica Figisc/Anisa attraverso un annuncio. I Benzinai non si sentono tutelati. Non si sentono in grado di garantire sicurezza a se stessi, ai propri dipendenti e agli stessi clienti. Inoltre a causa del pesante calo la sostenibilità economica di gran parte delle stazioni di servizio è venuta a mancare. Questa mossa rappresenta un duro attacco al governo italiano reo di non aver fatto nulla per impedire questa situazione drammatica che sta colpendo un po’ in tutta Italia i benzinai. 

Nonostante l’epidemia, i benzinai hanno fino ad ora garantito un servizio essenziale per il paese senza però ricevere alcun sostegno o riconoscimento da parte del governo. Per questo la categoria ha deciso di chiudere le proprie stazioni fino a data da destinarsi. Ovviamente si tratta di un problema assai grave per il nostro paese. Senza benzina infatti non solo non potranno muoversi i mezzi privati ma nemmeno i camion e i furgoni che trasportano merci e nemmeno vigili del fuoco e forze dell’ordine. Cresce di nuovo il rischio che la gente si catapulti a fare le scorte nei supermercati se la situazione non sarà sistemata dal governo.

Ti potrebbe interessare: Distributori chiusi il 6 e 7 novembre: ecco lo sciopero dei benzinai


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp