Cina: prima vittima da ‘hantavirus’  trasmesso dai roditori, cosa sta succedendo?

In Cina un morte per ‘hantavirus’ conosciuto come febbre emorragica con febbre renale, viene trasmesso dai roditori, cosa sta succedendo?

La Cina sta uscendo a piccoli passi dall’emergenza Coronavirus e già si registra la prima vittima di un altro virus, viene chiamato Hantavirus, che viene trasmesso dai roditori. La notizia è riportata dal Global Times: il caso risale a lunedì scorso e  riguarda un operaio che si è sentito male mentre era in viaggio per andare a lavorare, con altri ventinove colleghi, a Shandong. È stato trasferito immediatamente all’ospedale di Ningshan ma non c’è stato niente da fare, l’uomo è deceduto dopo poche ore.

L’Hantavirus come si trasmette?

Agli altri passeggeri dell’autobus è stato fatto il tampone per il coronavirus ed è risultato negativo, adesso stanno aspettando i risultati di quello dell’hantavirus, ma i medici ritengono molto improbabile il contagio.

Il virologo dell’università di Wuhan Times Yang Zhanqiu ha dichiarato al Global che, a differenza del Coronavirus, l’Hantavirus nella maggioranza dei casi non si trasmette attraverso l’apparato respiratorio ma attraverso le secrezioni corporee o tramite il sangue di una persona contagiata. Se fosse così è molto più difficile e complicato trasmettere il virus da persona a persona.

Inoltre, si precisa che normalmente i pazienti contagiati da Coronavirus non vengono contagiati anche da Hantavirus allo stesso tempo.

Quali sono i sintomi dell’Hantavirus

L’Hantavirus è noto come “febbre emorragica con sindrome renale”, è una malattia conosciuta e gli esperti dicono che non bisogna preoccuparsi, in quanto esistono già i vaccini.

Il virologo Yang ha precisato che la diffusione di questo virus è molto scarsa, oltre alla Cina ci sono stati casi in Svezia, Russia e Finlandia, ma come pericolosità non ha nulla da vedere con il Coronavirus.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp