Coca cola è corresponsabile dell’obesità e del diabete

Causa dell’obesità e del diabete di tipo 2 è anche la Coca Cola, la bevanda tanto amata, è molto pericolosa, lo ha denunciato l’associazione dei consumatori tedesca Foodwatch.

La Coca Cola, la bevanda tanto amata, è corresponsabile dell’obesità e del diabete. Lo denuncia una nota associazione dei consumatori tedesca Foodwatch.

L’associazione ha operato un’approfondita indagine sulle bevande come la Coca Cola, e ha stabilito che la tanto amata bibita: “è corresponsabile dei crescenti problemi dell’obesità e del diabete di tipo 2”.

La multinazionale minimizza i rischi connessi alle bevande zuccherate,

L’associazione Foodwatch in un report di oltre 100 pagine, critica la politica di marketing e lobbismo di Coca-Cola.

Inoltre, con una nota di disapprovazione nei confronti dell’azienda, evidenza la relazione alle sue campagne su YouTube e Instagram rivolte a bambini e ragazzi.

L’associazione Foodwatch, non si limita solo a denunciare la corresponsabilità del gruppo americano sulla causa dell’obesità e diabete di tipo 2, ma accusa il gruppo anche di essere colpevole di pressioni politiche governative tese ad impedire l’approvazione di tasse sullo zucchero o di stabilire il divieto di pubblicità “paragonabile a quello dell’industria del tabacco”.

La Coca Cola, da suo punto di vista, investe sempre di più in bevande contenenti poco o niente zucchero. Entro il 2020, lo zucchero sarà ridotto del 10%. Inoltre, il colosso alimentare sostiene di non gestire campagne pubblicitarie per bambini sotto i 12 anni.

Leggi anche: Verme nella Coca Cola, ragazza dodicenne ricoverata

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”