Codice tributo per Imu e contributi forfettari, le ultime novità dall’AdE

Codice tributo da utilizzare nell’F24 per il pagamento dei contributi forfettari e il versamento Imu, le ultime novità dell’Agenzia delle Entrate.

Codice tributo per il versamento dei contributi forfettari, come prevede il decreto legge Rilancio ai sensi dell’art. 103. Il decreto, consente ai datori di lavoro di mettere in regola con un’istanza che consenti di dichiarare la sussistenza di un rapporto di lavoro irregolare o di concludere un contratto di lavoro con cittadini stranieri presenti sul territorio italiano, in possesso del permesso di soggiorno scaduto dal 31 ottobre 2019. Presentando l’istanza si richiede un permesso di soggiorno temporaneo della durata di sei mesi.

Codice tributo per i contributi forfettari

Per la presentazione di suddette istanze bisogna pagare un contributo che ammonta a 500 euro per ciascun lavoratore in caso di istanza risulta la conclusione di un contratto di lavoro; mentre nel caso di istanza con la sussistenza di un rapporto di lavoro irregolare l’importo da pagare è di 130 euro.

L’Agenzia delle Entrate per consentire il pagamento con la risoluzione n. 27/E del 29 maggio 2020, ha istituito dei codici tributo da utilizzare nel modello F24:

Codice REDT’ denominato ‘Datori di lavoro – contributo forfettario 500 euro – art. 103, comma 1, D.L. n. 34/2020’;

‘RECT’ denominato ‘Cittadini stranieri – contributo forfettario 130 euro – art. 103, comma 2, D.L. n. 34/2020’.

Per approfondire gli argomenti dell’Agenzia delle Entrate, consigliamo di consultare la nostra rubrica Fisco

Codice da utilizzare per il versamento Imu

L’ultima legge di Bilancio ha previsto l’abolizione dell’imposta unica comunale (IUC) a decorrere dell’anno 2020, lasciando in vigore l’IMU e la TARI. L’Agenzia con la risoluzione n. 29/E del 29 maggio 2020, ha fornito i nuovi codici da utilizzare per il pagamento dell’F24 sezione Enti pubblici.

⇒ Nuova Imu 2020 e acconto il 16 giugno senza Tasi, le ultimissime news

Per consentire il versamento, tramite modello F24, dell’IMU per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D, si istituiscono i seguenti codici tributo:

• “3925” denominato “IMU – imposta municipale propria per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D – STATO”

• “3930” denominato “IMU – imposta municipale propria per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D – INCREMENTO COMUNE”

Per consentire il versamento, tramite modello F24 EP, dell’IMU per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D, si istituiscono i seguenti codici tributo:

 • “359E” denominato “IMU – imposta municipale propria per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D – STATO”

 • “360E” denominato “IMU – imposta municipale propria per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D – INCREMENTO COMUNE”

Si precisa che i codici tributo “3925” e “359E” sono utilizzati anche per i fabbricati rurali ad uso strumentale classificati nel gruppo catastale D.

 Inoltre, il codice tributo “3939” denominato ‘IMU – imposta municipale propria per i fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita – COMUNE’.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”