Colesterolo cattivo LDL, l’avocado lo tiene a bada: lo confermano degli studi

Un recente studio ci porta a considerare l’avocado come un ottimo rimedio per chi soffre di colesterolo cattivo.

Uno studio condotto da un’equipe’ americana conferma che l’avocado tiene sotto controllo il colesterolo cattivo LDL e confermato poi anche da altri studi che dichiarano che basta introdurre un avocado al giorno nella nostra dieta per far abbassare i livelli di colesterolo cattivo.

Ma come mangiare l’avocado, assoluto o come condimento

L’avocado è ritenuto un vero elisir di salute, basta includerlo nella nostra dieta come guacamole, la celebre salsa che mixa avocado, limone e pepe. L’avocado può essere aggiunto anche in un’insalata di verdure miste o consumarlo con un toast integrale.

Lo studio è stato fatto su 45 soggetti sovrappeso ed obesi. Da chiarire che lo studio ha confermato che l’avocado favorisce la riduzione delle particelle di colesterolo LDL ossidate, condizione che non va assolutamente trascurata, si rischiano problemi cardiaci e rischi di cancro.

A lungo andare le patologie cardiovascolari con l’ossidazione delle particelle di colesterolo cattiva LDL dà il via a delle reazioni a catena facilitando l’insorgenza di aterossclerosi. Dai protagonisti degli studi ci viene assicurato il successo della ricerca che deve avere ancora degli approfondimenti in quanto i partecipanti sono stati osservati solo per 5 settimane.

Ecco 5 buoni motivi per includere l’avocado nella nostra dieta quotidiana

1)Una fibra invidiabile: mezzo avocado fornisce un terzo di fabbisogno giornaliero di fibra

2)Grasso ma buono: è composto per il 70% da grassi monoinsaturi e per il 13% da omega 3, i grassi buoni contro il colesterolo

3)Ottimo nelle insalate: riducendo l’olio nel condimento, l’avocado aumenta l’assorbimento delle vitamine presenti nelle verdure

4)Consigliato in gravidanza: contiene una buona percentuale di folati essenziali per lo sviluppo neurologico del feto

5)Si può utilizzare anche il seme: cotto a forno e poi tritato è un ottima fonte di antiossidanti e fitosteroli

Come incide la pressione alta su diabete e colesterolo?


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp