Colesterolo, la Gran Bretagna avvia i test per il vaccino

Colesterolo, in Gran Bretagna si inizierà la sperimentazione del vaccino.

Toccherà alla Gran Bretagna grazie ad un accordo fatto con la Novartis a testare il vaccino contro il colesterolo alto, sarà sperimentato il medicinale ancora non approvato e se la sperimentazione avrà esiti positivi sarà allargata a migliaia di persone.

Andiamo a vedere in cosa consistono questi test per il vaccino

Il problema del colesterolo alto riguarda in Italia circa il 35% della popolazione, e la tendenza è quella che va sempre aumentando e di conseguenza fa aumentare anche le percentuali di pericolo di ictus e infarto. La terapia attuale, quella delle statine, funziona solo nel 50% dei casi e i motivi si possono riscontrare o in una non risposta del paziente o per l’intervento degli effetti collaterali che costringono il paziente ad interrompere il trattamento.

La sperimentazione consiste nel fare due iniezioni all’anno, il suo effetto lo si dovrebbe vedere già in un paio di settimane e la sperimentazione dovrebbe funzionare anche su chi non ha avuto risultati sulle statine. Ai test in Inghilterra parteciperanno solo i soggetti considerati a rischio, poi se funzionerà sarà allargata anche a persone con problemi cardiovascolari gravi.

La molecola usata per questa sperimentazione è l’inclisiran, si tratta di un inibitore di un gene, da la possibilità al fegato di assorbire il colesterolo cattivo. Questa possibile cura riuscirà a salvare 30mila persone nei prossimi 10 anni da una morte quasi sicura.

L’Inghilterra è stata scelta in quanto all’avanguardia rispetto agli altri paesi, infatti si sta pensando di estendere in Inghilterra anche la sperimentazione di altri farmaci. Affermano dalla Gran Bretagna che il paese è al massimo dell’innovazione e che sia le infrastrutture molto avanzate e un sistema sanitario tra i primi al mondo, danno molte opportunità al paese per riuscire a formulare accordi molto simili a questo e su questa scala per andare avanti con altre terapie.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube