Coma etilico necessita di immediato intervento medico: cosa fare e come riconoscerlo

Alcol e coma etilico, vediamo come riconoscerlo e cosa fare.

Il coma etilico è conseguenza da intossicazione grave da alcol e necessita nel più breve tempo possibile dell’intervento di un medico. Questa condizione è dovuta ad alti livelli di alcol che si trovano nel sangue, parliamo di valori tra i 3 e 4 grammi di alcol per ogni litro di sangue.

Come riconoscere un coma etilico e cosa fare

Uno degli stati più pericolosi del coma etilico e che vi deve far preoccupare veramente e quando si viene a creare uno stato di profonda incoscienza da parte del soggetto, la persona che presenta occhi chiusi e non risponde agli stimoli che siano dolorosi e visivi vi devono mettere in allarme serio e dovete necessariamente chiamare i soccorsi. Fate molta attenzione e non trascurare sia gli arrossamenti cutanei che il sintomo dell’alitosi.

Altri sintomi che vi devono mettere in allarme e che sono collegati tra di loro sono l’ipotermia e l’ipotensione, attenzione alla brachicardia e molta attenzione ancora se c’è presenza di una respirazione irregolare.

Fate molta attenzione, se vi trovate vicino ad una persona che ha questi sintomi appena citati, siete in presenza di un soggetto in coma etilico. Dovete sapere che voi non ci potete fare nulla, l’unica cosa da fare è chiamare i soccorsi. L’unica cosa che potete fare mentre aspettate i soccorsi, è mettere una coperta addosso al soggetto in modo da non disperdere il calore corporeo.

Il coma etilico deve e può essere trattato solo da personale specializzato che deve intervenire tramite iniezioni di glucosio per via endovenosa, o assumere metadoxina e tiamina, oppure soluzione salina per ripristinare l’equilibrio dell’organismo idro-salino.

I medici che intervengono in questi casi possono fare riferimento al glutatione; si può utilizzare anche il bicarbonato, serve per la risoluzione di acidosi metabolica.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp