Come comprare casa all’asta: costi più bassi del 30%

Sempre più risparmiatori optano per l’acquisto di una casa all’asta. Per offrire maggiori chiarezze su questa tipologia di acquisto, vi proponiamo una mini guida.

Comprare casa all’asta, è un’opzione che tantissimi risparmiatori adottano, per garantirsi un abbattimento sul prezzo di circa il 30% in confronto al valore del mercato immobiliare. Il primo approccio all’acquisto di una casa all’asta parte con la valutazione dei dettagli inseriti nell’annuncio, esaminando attentamente la foto, e non solo. Prima di procedere con i passi successivi che portano all’acquisto di una casa all’asta, per capire esattamente la consistenza del risparmio, è necessario effettuare una comparazione dell’immobile oggetto dell’asta, con altre case aventi le stesse caratteristiche appartenenti alla stessa zona ai prezzi concorrenziali del libero mercato.

Casa all’asta: una compravendita autonoma

Iniziamo nel chiarire che si tratta di un acquisto immobiliare che non necessità della presenza di un consulente. Tuttavia, per chi non è pratico della parte burocratica legata alla gestione della pratica, l’aiuto di un esperto può solo alleviare parecchi grattacapi.

Il primo passo porta alla presa visione di tutta la documentazione presente negli annunci all’asta, completa anche di perizia. Grazie alla quale, sarà possibile consultare la planimetria dell’immobile, controllare i dati catastali, valutare lo stato di deterioramento, la presenza di abusi, oppure debiti e così via.

Casa all’asta: la garanzia di un mutuo

Pochi sono a conoscenza della possibilità di poter richiedere presso il proprio istituto di credito l’accesso a un mutuo prima dell’acquisto della casa all’asta. La banca esegue un’operazione che si chiama pre-delibera, con la quale stabilisce la cifra massima da finanziare, fino al 100% del prezzo assegnazione. Si tratta di un passaggio molto importante, in quanto, conferisce la possibilità di giungere all’asta disponendo dell’avallo necessario per sopportare la spesa.

Casa all’asta: come elaborare l’offerta

Si tratta di un passaggio semplice, infatti, per formulare la proposta di offerta basta redigere un modulo disponibile presso il Tribunale. All’atto della domanda va allegato un assegno circolare corrispondente al 10% del valore della proposta.

Casa all’asta: come partecipare vendita dell’incanto

Per partecipare all’asta è necessario presentarsi nel giorno e nelle ore stabilite dal giudice per l’assegnazione del lotto. Nel caso in cui, il soggetto sia impossibilitato a presenziare può delegare un sostituto, attraverso una procura notarile.

Qual è il passaggio successivo all’assegnazione dell’asta? Il Tribunale dispone che la consegna dell’immobile avvenga contestualmente al versamento della somma offerta entro i termini specifici indicati nell’atto di aggiudicazione.

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Antonella Tortora

Analista Contabile, collaborato con diversi quotidiani online. Adoro scrivere, ogni notizia è degna di essere vissuta, raccontata, con cuore, emozione, passione. Raccontarle serve a renderle uniche, se non raccontate finirebbero nel labirinto del dimenticatoio. Resta un'unica verità ogni storia incorpora una piccola parte di me, che emerge in un angolino nascosto. Citazione preferita: “Il valore di una persona risiede in ciò che è capace di dare e non in ciò che è capace di prendere.” Albert Einstein