Come controllare la pressione sanguigna: gli alimenti giusti e quelli sbagliati

Come controllare col cibo la pressione sanguigna? Quali sono i cibi da eliminare e quali invece quelli da assumere? Ecco alcuni suggerimenti da seguire.

Quali sono i cibi che fanno aumentare la pressione sanguigna? E quali,invece, in grado di aiutarci a controllarla? La pressione sanguigna è una cosa molto seria, la situazione di ipertensione è molto diffusa nei  paesi molto sviluppati e può portare a malattie cardiovascolari, come l’infarto, oppure malattie cerebrali, come l’ictus. Queste sono solo alcune delle malattie a cui si potrebbe andare incontro se non si controlla la pressione sanguigna. Vediamo di seguito a quali cibi dire addio e a chi invece dobbiamo far entrare nel nostro regime alimentare.

Pressione sanguigna, come controllarla eliminando ed aggiungendo questi alimenti

Iniziamo direttamente dai cibi a cui è bene dire addio, quei cibi che non ci fanno bene, ma ci portano ad una situazione di ipertensione.

I cibi che riportiamo di seguito devono essere o ridotti oppure abbandonati del tutto, e sono:

zuccheri,alcol,liquirizia,spezie,sale e tutti prodotti che contengono in dosi abbondanti il cloruro di sodio, come salsicce,formaggi, conserve..

Il sale non può mancare sulle nostre tavole, però vi consigliamo di sostituirlo con delle spezie, erbe aromatiche, aglio e cipolla, ma anche alghe marine e acqua di mare.

Gli alimenti che invece possono darci una grande mano nel controllare la pressione sanguigna sono i seguenti:

l’aglio, la cipolla, olio extra vergine di oliva, il limone,i cavoletti di Bruxelles,la barbabietola, i legumi,la cannella, il sedano, la pera, i semi di canapa, il carciofo, l’acqua di cocco, il pomodoro, il cetriolo.

Questi sono tutti alimenti che possono davvero fare la differenza. Non esiste una vera e propria dieta da fare per controllare la pressione sanguigna. O meglio, non esiste una dieta fai da te.

In questo caso, qualora la vostra prerogativa sia una dieta, vi consigliamo di rivolgervi ad un nutrizionista o uno specialista della questione.

Intanto, se invece non avete intenzione di seguire una dieta, aggiungere questi ultimi alimenti anche due volte a settimana, e togliere gradualmente quelli prima riportati, può fare comunque tanto.

 

Leggi anche:

Pressione, diabete e colesterolo, acqua di rubinetto e calcoli, allerta cozze e vongole e allerta salame fiorucci, tutte le notizie di oggi

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.