Come diventare docente di sostegno? I requisiti sono cambiati

Per diventare docente di sostegno, uno dei lavori più richiesti in ambito scolastico, bisogna avere dei nuovi requisiti. Ecco quali.

Secondo quanto viene riportata dall’ultima legge di Bilancio 2019, c’è aria di novità per quanto riguarda  i requisiti e la procedura per diventare e lavorare come docente/insegnante di sostegno. Sappiamo anche che i requisiti sono diversi se il candidato vuole diventare docenti di sostegno nella scuola dell’infanzia e primaria o nella scuola secondaria. Cerchiamo di essere più chiari e vediamo, di seguito, nell’articolo  quali sono le novità introdotte e l’iter per diventare docente di sostegno nel 2019-2020.

Introdotti nuovi requisiti per diventare docente di sostegno, le novità

Nonostante possa sembrare una figura da snobbare nell’immaginario collettivo, nella realtà lavorativa l’insegnante di sostegno oggi è tra le figure più richieste nelle scuole italiane.

Purtroppo, nonostante la richiesta sia elevata, altrettanto non sembra per la disponibilità di docenti, il che fa di questa professione uno dei ruoli su cui puntare di più.

L’insegnante di sostegno deve occuparsi di ragazzi o bambini che abbiano presentato un disturbo o un deficit nell’apprendimento a seguito di opportuni esami medici in linea con quanto disposto dall’ articolo 13 del Decreto n. 249 del 2010.

Quali sono i nuovi requisiti per essere un docente di sostegno?

Docenti di sosteno scuola dell’infanzia e primaria

Il DM n. 92 dell’8 febbraio 2019 ritiene che possono partecipare al corso di specializzazione su sostegno per la scuola dell’infanzia e primaria i docenti in possesso di uno dei seguenti titoli:

-titolo di abilitazione all’insegnamento conseguito presso i corsi di laurea in scienze della formazione primaria o analogo titolo conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente;

-diploma magistrale, ivi compreso il diploma sperimentale a indirizzo psicopedagogico, con valore di abilitazione e diploma sperimentale a indirizzo linguistico, conseguiti presso gli istituti magistrali o analogo

-titolo di abilitazione conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente, conseguiti, comunque, entro l’anno scolastico 2001/2002.

Inoltre, il decreto di revisione del D.lgs. 66/2017, recante norme per l’inclusione scolastica degli alunni con disabilità, introduce al suo interno anche un nuovo corso di specializzazione per i docenti succitati, che sarà definito con apposito decreto Miur.

Docenti di sostegno scuola secondaria

Con il prossimo concorso della scuola secondaria, si vuol mirare a valorizzare il più possibile l’esperienza accumulata dai docenti.

Quindi, possono partecipare alle selezioni per il corso anche i docenti con la sola laurea e 3 anni di servizio.

I requisiti necessari saranno:

-abilitazione specifica sulla classe di concorso oppure

-laurea coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso+ 24 CFU in discipline antropo – psico – pedagogiche ed in metodologie e tecnologie didattiche.

-gli ITP continueranno a partecipare con il diploma fino al 2024/25. Da quella data laurea triennale + 24 CFU.

Leggi anche:

Scuola: approvato il Decreto Scuola a tutela dei precari


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.