Comodato d’uso gratuito e pagamento Imu con riduzione del 50%

Versamento Imu e comodato d’uso gratuito con una riduzione della base imponibile del 50%, i casi possibili di applicazione.

Il comodato d’uso gratuito e pagamento Imu, a chi spetta e quali sono le agevolazioni? Cerchiamo di capire gli aspetti fiscali legati al comodato d’uso gratuito e a chi spetta il pagamento dell’Imu e secondo quale percentuale. Un lettore ci pone la seguente domanda: Buongiorno  mia figlia è  proprietaria  di uno scantinato e non ha altre proprietà vorrebbe dare a me che sono il padre in comodato d’uso il cespite per pagare meno di imu . È  possibile ? Attendo risposta grazie

Prospettiamo una breve panoramica rispondendo anche al nostro lettore

Che cos’è il comodato d’uso

Con il contratto di comodato d’uso gratuito si ufficializza il prestito di un bene senza ricevere in cambio nessun corrispettivo. Di solito viene stipulato tra genitori e figli, lasciando la possibilità a questi ultimi di abitare nella casa di proprietà dei genitori ad uso gratuito. Si tratta di un un vero e proprio contratto e deve essere registrato all’Agenzia delle entrate. 

Il contratto non deve avere una determinata scadenza, ma il proprietario in qualsiasi momento può chiederne la restituzione per motivi urgenti o esigenze personali.

Imu e riduzione del 50%

Quando si stipula un contratto di comodato gratuito la base imponibile Imu si calcola moltiplicando la rendita catastale rivalutata del 5 per cento della sua quota, inoltre in questi casi la base imponibile viene ridotta del 50%.

Va ricordato che devono sussistere le seguenti condizioni:

  • Categoria A1/ – A8 e A9 per immobile non di lusso;
  • Il comodato d’uso gratuito deve seguire la linea retta di parentela di 1° grado (genitori e figli);
  • Il comodato deve essere stipulato per immobili adibiti ad abitazione principale, oltre l’abitazione sono considerare anche le pertinenze per un solo bene di tipo C2 – C6 e C7. Nel caso di morte dell’intestatario del comodato, la riduzione del 50% sulla base imponibile si estende al coniuge se ci sono figli minori;
  • La persona che fruisce dell’abitazione “il comodante” deve stipulare residenza abituale all’indirizzo dell’abitazione indicata nel comodato.

Nel caso specifico il solo scantinato non può essere dato in comodato d’uso gratuito se non fa parte di un’abitazione ad uso principale e si configura come unica pertinenza. 

Ti potrebbe interessare: Imu: quando agevolazioni in uso gratuito ai figli?


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”