Compleanno a Catania, tra droga e alcol, 14enne pugnalato alla gola

Un compleanno fatto di eccessi quello svoltosi a Catania. Tra droga e alcool, il festeggiato pugnala la gola di un suo invitato, un 14enne.

Un compleanno davvero fuori dal normale, fuori dagli schemi quello che si è svolto a Catania. Il festeggiato, Samuele Monterosso, per i suoi 20 anni ha deciso di organizzare una festa davvero diversa dal solito: una festa a base di droga e alcol, dove, tra l’altro, si è anche “divertito” a tagliare la gola ad un suo invitato, un ragazzino di 14 anni. Il ragazzino è stato portato all’ospedale Lentini; i medici spiegano che sarebbe bastato poco per arrivare a lesionare gli organi vitali. Il festeggiato, dopo la fuga, è stato portato in carcere.

Un compleanno fatto di eccessi, la vicenda

Per la precisione, la festa di compleanno a base di alcol e stupefacenti, si è tenuta a Vizzini, in Catania. Secondo quanto è stato riportato dai presenti alla festa di compleanno, il 20enne Samuele Monterosso, avrebbe sferrato un solo colpo di coltello sul collo del suo invitato 14enne, per far sì che la vittima avesse un taglio profondo ben 15 centimetri. Al ragazzino vittima di tale aggressione sono stati fatti ben 40 punti di sutura per toglierlo definitivamente dal pericolo. Per quanto riguarda Samuele Monterosso, dopo questa tragedia, si è rifugiato presso la casa di qualche amico per poi essere catturato e mandato in carcere a Caltagirone.

La ricostruzione

Il ventenne, festeggiato e nonché organizzatore della sua stessa festa di compleanno, aveva già dei precedenti penali. Per il suo “party” a base di droga e alcool, ha invitato solo 5 amici, ma all’improvviso, ha preso un coltello dalla cucina della sua, avrebbe afferrato l’ospite per i capelli per poi continuare l’opera. Soltanto in un secondo momento si è reso conto di quanto era avvenuto, ha quindi cercato aiuto presso un conoscente, mentre la vittima è stata subito portata all’ospedale. Essenziale l’intervento dei medici che hanno ricucito il lungo taglio. Ora seguono per la vittima ben 30 giorni di prognosi.

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.