Compra un’auto usata e trova cocaina per 850 mila dollari

Un uomo in Texas acquista un’auto usata e trova nascosta cocaina per un valore di 850 mila dollari 

Un uomo del Texas ha acquistato un’auto di seconda mano all’asta e in seguito ha scoperto che conteneva 17 pacchetti di cocaina del valore di $ 850.000. Ha preso la saggia decisione di dirlo alla polizia, che lo ha ringraziato per la sua responsabilità di buon cittadino. Ci sono persone che sanno come rilevare gli affari nel mercato dell’usato e che li rivendono per un profitto finanziario, ma il caso in questione è sicuramente uno dei più sorprendenti da molto tempo.

Un uomo in Texas acquista un’auto usata e trova nascosta cocaina per un valore di 850 mila dollari

L’asta in questione si è svolta nella valle del Rio Grande, una regione del sud del Texas al confine con il Messico. L’uomo in questione ha acquistato l’auto e l’ha portata a casa sua a Laredo, una città a circa 300 chilometri a nord-ovest, ma quando è arrivato nella sua abitazione ha scoperto una piccola sorpresa che non era nella descrizione del lotto. L’acquirente ha trovato diciassette sacchi di cocaina nascosti in un vano segreto del veicolo. Ha rapidamente avvisato la polizia, che è venuta a casa sua per verificarlo di persona. Qual è stata la sua sorpresa quando le autorità hanno scoperto un secondo buco nascosto con diciassette altre sacche di narcotici.

L’ufficio dello sceriffo ha dichiarato che sono stati trovati in totale 33,5 chilogrammi di cocaina con un valore di mercato di $ 850.000, che in cambio sarebbe di circa 750.000 euro. “Ringrazio e mi congratulo con la persona che ci ha segnalato la presenza della cocacina. Se non fosse stata una persona onesta, la droga avrebbe potuto finire nelle mani sbagliate”, ha detto lo sceriffo Martin Cuellar.

Ti potrebbe interessare: Passeggero morto dopo aver ingoiato la cocaina in aereo, ecco cosa è successo


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp