Al via al Bonus Bau: il contributo per aiutare i proprietari di cani in difficoltà economiche

Il Comune di Pisa ha istituto il Bonus Bau per aiutare, almeno in parte, le spese veterinarie di proprietari di cani in difficoltà economiche

Il Comune di Pisa ha deciso di istituire il cosiddetto Bonus Bau per venire incontro ai padroni di animali domestici che, principalmente a causa della crisi economica determinata dai lunghi mesi di lockdow, non riescono a sostenerne le spese. 

Bonus Bau: cos’è

Il Bonus Bau è un incentivo unatantum di 100 euro erogato dal Comune per sostenere, almeno in parte, le spese veterinarie di cani che vivono in famiglie con difficoltà economiche. L’idea del contributo nasce in occasione dell’istituzione della Giornata del microchip e delle vaccinazioni. È stata patrocinata dall’assessore alle politiche sociali del Comune di Pisa, Gianna Gambaccini, e dal consigliere comunale Alessandro Bargagna. 

Promotori dell’iniziativa sono stati anche l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana, l’Ordine Professionale dei Medici Veterinari di Pisa e il Gruppo delle guardie zoofile di Pisa del Nogra, in collaborazione con il servizio veterinario dell’Azienda Ausl Tscana Nord-Ovest. 

Il bonus, inoltre, mira alla prevenzione di patologie particolarmente invalidanti per i cani (leshmaniosi, criptosporidiosi giardiasi, ecc..), ma che possono anche essere trasmesse all’uomo. Al momento sono sette i centri veterinari convenzionati che hanno deciso di aderire all’iniziativa. A livello nazionale, invece, molti altri Comuni stanno lavorando per seguire le orme di Pisa

Chi può farne richiesta

L’erogazione del Bonus Bau è vestita dalla Società della Salute di Pisa. Potranno richiedere il contributo tutti i residenti nel territorio pisano da almeno due anni e detentori di un Isee non superiore a 25mila euro (30mila per le famiglie numerose, con almeno quattro figli a carico).

I cittadini pisani potranno avanzare la richiesta, compilando il modulo già online sul sito del Comune, entro il 30 novembre 2020. Avranno, in seguito, due mesi di tempo per spendere il buono ricevuto. Può essere presentata solo una domanda per nucleo familiare, con un massimo di due cani. In questo caso il bonus sale a 200 euro. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp