Concorso informatici con diploma, ecco i bandi

Il comune di Cagliari ha pubblicato due concorsi per un totale di 15 informatici da inserire nell’organico dell’ente. Ecco come partecipare ai bandi.

Il comune di Cagliari ha pubblicato due concorsi a tempo indeterminato per inserire nell’organico dell’ente profili di informatici. In totale i posti sono 15. Ecco le informazioni utili per partecipare ai bandi.

Concorsi Comune Cagliari: posti disponibili e requisiti di ammissione

Il comune di Cagliari ha indetto ulteriori concorsi per complessivi 15 posti così distribuiti:

  • 6 posti per Collaboratore amministrativo informatico (categoria B/B3); bando,
  • 9 posti per Istruttore informatico programmatore (categoria C/C1); bando.

Sui posti messi a concorso vi sono le riserve di legge in favore dei volontari delle FF.AA. e del personale interno all’Ente.

I requisiti e il titolo di studio che i candidati che vogliono partecipare a questi concorsi devono possedere sono uguali per entrambi i profili professionali:

  • cittadinanza italiana o di uno Stato membro dell’Unione europea;
  • età non inferiore a 18 anni;
  • idoneità fisica all’impiego;
  • non aver riportato condanne penali;
  • non essere stato licenziato, dispensato o decaduto dall’impiego presso una pubblica amministrazione;
  • godimento dei diritti politici;
  • per i candidati di sesso maschile: regolare posizione riguardo gli obblighi militari;
  • diploma di informatico, perito elettronico, perito delle telecomunicazioni, ma anche laurea in Informatica, Scienza dell’informazione o titoli equipollenti.

Domanda di ammissione e prove d’esame

La domanda di partecipazione ai concorsi deve essere presentata, entro il 13 febbraio 2020, esclusivamente in modalità online, compilando l’apposito modulo disponibile nel sito del Comune, alla pagina Bandi di concorso. L’accesso alla domanda avverrà solo dopo l’autenticazione tramite SPID e al termine della compilazione, il sistema invierà al candidato la domanda in formato PDF che riporterà un numero identificativo personale.

Qualora le domande pervenute siano superiori, rispettivamente, a 40 o 50 unità, si procederà allo svolgimento di una prova preselettiva mediante quesiti a risposta multipla sulle materie delle prove d’esame e di argomento logico-matematico. Le prove d’esame saranno organizzate in un sistema a cascata, ovvero i candidati che superano una prova passano alla successiva.

Ulteriori informazioni sulla presentazione della domanda sono reperibili dalla lettura dei singoli bandi e alla pagina Bandi di concorso sul sito del Comune.

Leggi anche: Lavoro, assunzioni, imprese: ecco cosa prevede la Legge di bilancio 2020, le novità


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp