Concorsi Docenti 2020: 40mila nuovi docenti con contratto a tempo indeterminato

Concorso docenti 2020, bandi previsti ordinari e straordinari, ecco i requisiti e i posti disponibili.

Novità in vista per il prossimo anno per tutti coloro che vogliono diventare docenti nella scuola pubblica, si parla in totale di 40mila posti, il consiglio dei ministri ha approvato un decreto legislativo che autorizza il Miur alla pubblicazione dei nuovi bandi per assunzioni con contratto a tempo indeterminato.

Ecco i bandi previsti, i requisiti e i posti disponibili

Lo riporta anche ilConcorsoScuola.it, il consiglio dei ministri ha varato un pacchetto di misure per l’assunzione di nuovi docenti che permetterà l’assunzione di nuove leve così da andare a risolvere la questione dei docenti precari. Il decreto prevede prevede la pubblicazione di due distinti bandi pubblicati in simultaneamente ma dedicati a candidati con differenti requisiti, i posti saranno 40mila e saranno per le scuole secondarie di primo grado e secondo grado.

Ecco il bando ordinario: chi può partecipare

Il concorso ordinario sarà bandito per classi di concorso, sostegno e tecnico pratici, si potranno candidare per una singola classe di soccorso per la scuola secondaria di primo e secondo grado e per i posti di sostegno, sarà organizzato su base regionale e sarà possibile concorrere per una sola regione.

I requisiti:

1)per i soli posti IPT, diploma che costituisce titolo di accesso. Per questi posti fino al 2024-2025 non sarà necessario il possesso dei 24 CFU;

2)candidati con il titolo di studio necessario per accedere alla classe di concorso di interesse 24 crediti universitari in materie psico fisiche antropo pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche;

3)candidati in possesso dell’abilitazione all’insegnamento, anche per altri ordini di scuola e/o classi concorsuali.

Si prevedono le seguenti prove:

Posti comuni:

a)prova scritta relativa alle materie della classe di concorso scelta;

b)prova scritta sulle discipline antropo-psico-pedagogiche e sulle metodologie e tecniche didattiche;

c)prova orale.

Posti di sostegno:

a)esame scritto

b)colloquio.

L’abilitazione si avrà solo se i candidati riusciranno ad avere un punteggio non inferiore a 7/10 per ogni prova. I vincitori frequenteranno un periodo iniziale di formazione di 1 anno, nel caso di conferma saranno obbligati a rimanere nella medesima scuola per 4 anni.

Ecco il bando straordinario: ecco chi può partecipare

Questo bando è rivolto a tutti i docenti considerati precari, sono 24mila assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato, saranno a carattere regionale e si potrà partecipare per una sola regione. È consentito partecipare contemporaneamente sia al bando ordinario che al bando straordinario, per le stesse classi di concorso e tipologie di posto, o per classi e tipologie di posti diverse.

I requisiti:

1)per i soli posti di sostegno, idonea abilitazione;

2)candidati in possesso del titolo di studio previsto per l’accesso all’insegnamento richiesto;

3)candidati che hanno insegnato per almeno un anno scolastico nella classe di concorso o tipologia di posto specifica per la quale concorrono;

4)candidati che hanno svolto almeno tre anni di insegnamento, anche non consecutivi, nelle scuole secondarie statali, tra gli anni scolastici 2011-2012 e 2018-2019.

Il bando docenti straordinario prevede un’unica prova scritta su computer da ritenersi superata con 7/10 e tutti quelli che supereranno la prova saranno immessi a ruolo dal primo settembre 2020. I docenti immessi a ruolo dovranno seguire un periodo di formazione della durata di un anno e se confermati dovranno restare nella medesima scuola per 4 anni, coloro che non possiedono i 24 CFU potranno conseguirli con una prova orale e si intenderà superata con 7/10.

L’immissione in ruolo comporta la cancellazione del docente da ogni altra graduatoria di merito di istituto o ad esaurimento.

Concorso TFA Sostegno: 14.000 assunzioni scuola come docenti di sostegno 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp