Concorsi pubblici RIPAM, a gennaio le preselettive e altre novità

Tante notizie sugli ultimi concorsi RIPAM, tante novità sul concorso per lavorare in scuole di Roma, al Ministero del Lavoro e dell’Ambiente e non solo.

Dal sito Formez ci giungono due notizie molto importanti:  dal 17 Ottobre inizierà la correzione delle prove preselettive del Concorso Regione Campania 2019. Al suo termine, verrà pubblicata la graduatoria per ciascuna procedura. Infine, ci sarà la pubblicazione degli elenchi alfabetici degli ammessi e il diario della prova scritta che saranno resi noti almeno 15 giorni prima dello svolgimento.

La seconda notizia riguarda le prove preselettive del Concorso al Ministero Ambiente per 251 unità di personale non dirigenziale, del Concorso per 2329 Funzionari Giudiziari, del Concorso per 1052 Vigilanti Mibac, del Concorso 1514 Ministero del Lavoro, Inail, Inl e dei concorsi per il Comune di Roma.

Noi, di seguito, andremo ad interessarci di questo secondo punto.

Le prove preselettive dei concorsi RIPAM sono previste a gennaio

Sempre dal sito Formez, sappiamo che le prove preselettive si svolgeranno a Roma, dall’11 Novembre 2019 al 31 Gennaio 2020.

Per chi ha partecipato al Concorso per il Ministero della Giustizia, questi risultano essere 115.769.

Le prove preliminari saranno svolte in 2 sessioni d’esame per 5 giorni consecutivi esclusi i festivi.

Continuiamo a parlare con il Concorso del Ministero per i beni e le attività culturali, per il quale si sono candidate 209.729 persone.

Le sessioni d’esame previste sono 18 da svolgere in 9 giorni lavorativi consecutivi.

Mentre, sono arrivate a 104.780 le candidature i 1514 posti all’Ispettorato Nazionale del Lavoro e all’Inail. Le sessioni d’esame previste sono 10 per un totale di 5 giorni consecutivi.

I candidati al Concorso per 251 unità di personale non dirigenziale al Ministero dell’Ambiente sono arrivati a 28.655: qui sono previste 3 sessioni d’esame in 2 giorni.

Scuole d’infanzia e asili nido a Roma

Per le selezioni delle 2 graduatorie valide per la stipula di contratti di lavoro a tempo determinato e indeterminato presso le scuole dell’infanzia e gli asili nido capitolini per reperire supplenti si sono candidate 9.381 candidature.

In questi giorni saranno pubblicati i nomi dei convocati.

Posizioni aperte al Ministero dello Sviluppo Economico, al Ministero della Giustizia e al Senato

Il MISE ha riaperto i termini per poter presentare le domande online rivolte all’assunzione di 100 profili provenienti da altre amministrazioni pubbliche per svolgere incarichi di vigilanza per la sicurezza dei prodotti e per i servizi in conto terzi.

C’è la possibilità di mandare la propria domanda di partecipazione entro e non oltre il giorno venerdì 15 novembre 2019.

Vogliamo parlarvi anche del concorso per l’assunzione con contratto a tempo indeterminato di 616 operatori giudiziari nei Tribunali.

In questo caso non è previsto alcun termine per presentare la propria candidatura: è utilizzata la chiamata diretta tramite i Centri per l’impiego regionali, senza la necessità di prove scritte.

Possono partecipare anche i percettori del reddito di cittadinanza, mentre per quanto riguarda le prove da superare per ricoprire il ruolo di operatore giudiziario, area II, fascia retributiva F1, esse sono un colloquio e una prova pratica.

Per potervi partecipare, i requisiti principali sono:

-l’essere iscritto nelle liste di collocamento o di mobilità secondo quanto stabilito dalla legge;

-il diploma di scuola secondaria di I grado (di scuola media inferiore);

-la cittadinanza italiana o europea;

-la maggiore età.

Le prove, cioè il colloquio e la prova pratica avranno luogo presso la Corte di Appello di competenza nel proprio distretto.

Qualora si riuscisse a superare le prove si prenderà servizio presso gli uffici giudiziari di alcune regioni d’Italia ovvero: Lombardia, Marche, Lazio, Calabria, Puglia, Toscana e Veneto, Liguria, Campania, Emilia-Romagna, Piemonte.

Si resterà in tale sede per minimo 5 anni è lo stipendio minimo è di 1.516,94 euro.

Un ultimo concorso da segnalare è quello per 60 coadiutori parlamentari a cui si può accedere con il diploma.

Bisogna inviare la domanda di ammissione  entro l’8 novembre 2019 telematicamente collegandosi al link: senato.it nella sezione > concorsi, bandi di gara e manifestazioni di interesse.

Le prove di selezione sono una prova preliminare con 50 quesiti a risposta multipla, un test tecnico di dattilografia, una prova scritta con: 10 quesiti sulla costituzione italiana, 10 quesiti di storia d’Italia, traduzione di brani dall’italiano all’inglese; dei test orali e tecnici.

Per la prova preliminare, viene concesso ai partecipanti 60 minuti di tempo.

Il test tecnico di dattilografia dura 5 minuti e consiste nel trascrivere un testo di massimo 1360 battute.

Ogni test scritto ha una durata di 3 ore.

Per ogni  prova occorre ottenere un punteggio di 12 punti. Lo stipendio mensile netto del coadiutore è di circa 1.700 euro.

Leggi anche:

Tutto Concorsi, Monete, BTp, TFS, ISEE, Bollo auto, Pensioni, Legge 104, RdC, Mutuo, Bancomat, Fisco, le novità della giornata


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.