Concorso ATA: 11mila addetti pulizie, ecco il bando

Il Miur ha pubblicato un concorso per assumere personale di ditte esterne da inserire nell’organico del personale ATA. Ecco il bando

Il Miur ha pubblicato un concorso a tempo indeterminato riservato ai lavoratori delle ditte esterne che svolgono mansioni di collaboratore scolastico per personale ATA. La scadenza è il 31 dicembre 2019. Vediamo come accedere alla selezione.

Concorso ATA Addetti pulizie

Il concorso, per titoli, riservato ai lavoratori alle ditte di pulizie, si svolge a base regionale. I vincitori saranno assunti nel profilo di collaboratore scolastico a tempo indeterminato pieno e/o parziale.
In pratica, possono partecipare al concorso i lavoratori dipendenti che abbiano, oltre ai requisiti generali indicati nel bando, questi due specifici requisiti:

  • lavorato con un contratto a tempo indeterminato in ditte che si occupavano di servizi di pulizie nelle scuole;
  • lavorato per 10 anni, comprensivi degli anni 2018 e 2019, anche non continuativi, come addetti pulizia e ausiliari presso istituzioni scolastiche ed educative statali.

L’anzianità di servizio verrà calcolata nel seguente modo:

  1. il conto degli anni di servizio è effettuato nell’anno solare;
  2. in caso di mancata maturità dell’anno è valido cumulare i mesi e le frazioni dei mesi superiori a 15 giorni;
  3. ai fini del calcolo gli anni di anzianità i periodi di sospensione obbligatoria sono considerati servizio effettivo;
  4. sono validi gli anni di servizio prestati dal 2000 in poi nelle istituzioni scolastiche statali a seguito di contratti di appalto stipulati per mansioni corrispondenti a quelle del collaboratore scolastico.

Posti disponibili

Come detto precedentemente, il concorso ATA per il personale da stabilizzare come collaboratore scolastico  è su base provinciale. La domanda va presentata in una solo regione. Ecco i posti disponibili:

Abruzzo n. 386 posti, di cui:

  • Chieti: 50;
  • L’Aquila: 68;
  • Pescara: 90;
  • Teramo: 178.

Basilicata n. 162 posti, di cui:

  • Matera: 70;
  • Potenza: 92.

Calabria n. 612 posti, di cui:

  • Catanzaro: 68;
  • Cosenza: 283;
  • Crotone: 61;Reggio Calabria: 181;
  • Vibo Valentia: 19.

Campania n. 2536 posti, di cui:

  • Avellino: 142;
  • Benevento: 117;
  • Caserta: 384;
  • Napoli: 1392;
  • Salerno: 501.

Emilia-Romagna n. 550 posti, di cui:

  • Bologna: 136;
  • Ferrara: 19;
  • Forlì Cesena: 69;
  • Modena: 64;
  • Parma: 55;
  • Piacenza: 2;
  • Ravenna: 147;
  • Reggio Emilia: 35;
  • Rimini: 23.

Friuli Venezia Giulia n. 40 posti, di cui:

  • Trieste: 35;
  • Udine: 5.

Lazio n. 1728 posti, di cui:

  • Frosinone: 262;
  • Latina: 189;
  • Rieti: 97;
  • Roma: 1180

Liguria n. 128 posti, di cui:

  • Genova: 53;
  • Imperia: 43;
  • La Spezia: 23;
  • Savona: 9.

Lombardia n. 392 posti, di cui:

  • Bergamo: 5;
  • Brescia: 162;
  • Cremona: 11;
  • Lecco: 13;
  • Milano: 60;
  • Pavia: 69;
  • Sondrio: 6;
  • Varese: 66.

Marche n. 259 posti, di cui:

  • Ancona: 79;
  • Ascoli Piceno: 85;
  • Macerata: 29;
  • Pesaro Urbino: 66.

Molise n. 82 posti, di cui:

  • Isernia: 41;
  • Campobasso: 41.

Piemonte n. 498 posti, di cui:

  • Alessandria: 38;
  • Cuneo: 30;
  • Novara: 23;
  • Torino: 369;
  • Verbano Cusio Ossola: 33;
  • Vercelli: 5.

Puglia n. 611 posti, di cui:

  • Bari: 530;
  • Brindisi: 163;
  • Foggia: 259;
  • Lecce: 441;
  • Taranto: 218.

Sardegna n. 205 posti, di cui:

  • Cagliari: 123;
  • Nuoro: 35;
  • Oristano: 29;
  • Sassari: 18.

Sicilia n. 952 posti, di cui:

  • Agrigento: 115;
  • Caltanissetta: 81;
  • Catania: 250;
  • Enna: 45;
  • Messina: 119;
  • Palermo: 61;
  • Ragusa: 80;
  • Siracusa: 62;
  • Trapani: 139.

Toscana n. 595 posti, di cui:

  • Arezzo: 48;
  • Firenze: 195;
  • Grosseto: 22;
  • Livorno: 71;
  • Lucca: 119;
  • Massa Carrara: 39;
  • Pisa: 54;
  • Pistoia:5;
  • Prato: 13;
  • Siena: 29.

Umbria n. 179 posti, di cui:

  • Perugia: 160;
  • Terni: 19.

Veneto n. 348 posti, di cui:

  • Padova: 25;
  • Rovigo: 30;
  • Treviso: 102;
  • Venezia: 115;
  • Verona: 59;
  • Vicenza: 17.

Concorso ATA: domanda di partecipazione

Le domande di partecipazione al concorso devono essere presentate esclusivamente online entro le 14 del 31 dicembre 2019, in una delle seguenti modalità:

  • tramite la piattaforma web Polis (Presentazione online delle istanze del Miur). In questo caso, bisogna registrarsi alla pagina Istanze online (Polis);
  • attraverso il sito web www.miur.gov.it alla pagina Piattaforma concorsi e procedure selettive. Per presentare la domanda con questa modalità occorre possedere le credenziali SPID.

Per ulteriori approfondimenti, i candidati sono invitati a leggere il bando integrale del concorso.

Leggi anche: Scuola: ecco la proposta per unificare gli stipendi di maestri e professori


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp