Concorso docenti 2019: necessari i 24 CFU per insegnare

Il Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti conferma la necessità della possessione dei 24 CFU per poter partecipare ai concorsi per docenti.

Ci sarà un nuovo concorso per docenti nell’anno nuovo che sta per avvicinarsi. Infatti, durante questo periodo, non sono mancati dei chiarimenti fatti proprio dal Ministro dell’Istruzione, Bussetti. Oltre al bando del concorso, Bussetti ha tenuto a precisare che è necessario, per aderire al concorso, avere i 24 CFU delle discipline antro-psico-pedagogiche e delle metodologie e tecnologie didattiche. Vediamo nel dettaglio di cosa ha parlato il Ministro.

Concorso docenti 2019, maggiori informazioni

Continuano le parole del Ministro dell’Istruzione che conferma l’idea secondo cui si potrà accedere al ruolo solo attraverso il concorso. Infatti, l’obiettivo del Governo e del Ministero dell’Istruzione è la volontà di dare un ordine al reclutamento, proponendo dei concorsi che si basano sul numero dei docenti da assumere, pertanto, l’assunzione sarò esclusivamente per concorsi.
Ma torniamo all’argomento dei 24 CFU: il Ministro conferma la necessità della possessione dei 24CFU per accedere ai vari bandi di concorso, tra cui anche quello del 2019 di cui stiamo parlando. A detta del Ministro i 24 CFU sono la base della formazione per essere docenti e sono pertanto necessari per affrontare le prove concorsuali; inoltre, saranno semplificati i sistemi di reclutamento in cui verrà data maggiore chiarezza ai candidati, dato che tali sistemi negli anni sono diventati molto difficili da capire, dando vita alla confusione negli aspiranti docenti.
Attenzione: sono esonerati dal possesso dei 24 CFU quei docenti che hanno già tre anni di servizio.

Concorso 2019, la laurea richiesta

Con l’approvazione della legge di Bilancio 2019, sarà ampiamente chiarito tutto l’iter da seguire per poter arrivare al ruolo di docente entro la data del 31 dicembre 2019. Inoltre, la laurea di cui si parla è quella che dovrebbe dare l’accesso all’abilità di insegnamento e in tal caso parliamo delle due tipologie di laurea:

– laurea vecchio ordinamento
-laurea specialistica o magistrale

Necessaria per il concorso, è quella laurea avente un piano di studi idoneo il quale contiene tutti i CFU richiesti per accedere alle classi di concorso. Bisogna specificare che è il decreto del 10 agosto 2017, n. 616 a regolare i 24 CFU. Infine, il vecchio Ministro dell’Istruzione, Valeria Fedeli ha stabilito come massimo di 500 euro il prezzo che le università statali possono richiedere ai corsisti e, continuando, tale prezzo è possibile ridurlo in base al reddito e al numero di crediti da conseguire, il riferimento ai 24 CFU è limitato alla scuola secondaria.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.