Concorso nell’esercito 2019: richiesti ben 60 Allievi Tenenti, tutte le informazioni

In arrivo un nuovo concorso per poter servire lo stato italiano nell’esercito: sono richiesti ben 60 allievi tenenti. Ecco tutte le informazioni inerenti.

Una buona notizia per chi da sempre sognato di servire il nostro paese: il Ministero della Difesa ha indetto un concorso il quale mira alla selezione di 60 nuovi Tenenti in Ferma Prefissata. Soggetti del concorso sono tutti coloro che sono in possesso di titolo di Laurea e  la scadenza del concorso ricade sul giorno 19 settembre 2019. Come già è stato anticipato nel titolo, il concorso è stato realizzato per la nomina di 60 Tenenti in Frma Prefissata, ausiliari del ruolo normale del Corpo degli Ingegneri, di Commissariato e Sanitario dell’Esercito Italiano.

Ovviamente, per poter superare il concorso bisogna affrontare al meglio le prove concorsuali previste dal bando di concorso per poter essere inseriti nei diversi ruoli presentati dal bando. Detto questo, diamo un’occhiata più da vicino alle informazioni del concorso.

Informazioni generali sul concorso dell’esercito per 60 allievi tenenti

I selezionati saranno così distribuiti:

Corpo degli Ingegneri, 22 posti:

– n. 3 per laureati in Ingegneria delle telecomunicazioni (LM 27);

– n. 5 per laureati in Ingegneria elettronica (LM 29);

– n. 5 per laureati in Ingegneria informatica (LM 32) o Informatica (LM 18) o Sicurezza Informatica (LM 66);

– n. 2 per laureati in Ingegneria meccanica (LM 33);

– n. 4 per laureati in Ingegneria civile (LM 23) con abilitazione all’esercizio della professione;

– n. 1 per laureati in Architettura e ingegneria edile architettura (LM 4), con abilitazione all’esercizio della professione;

– n. 2 per laureati in Ingegneria per l’ambiente e il territorio (LM 35), con abilitazione all’esercizio della professione.

Corpo Sanitario, 27 posti:

– n. 25 per laureati in Medicina e chirurgia (LM 41), con abilitazione all’esercizio della professione;

– n. 2 per laureati in Medicina veterinaria (LM 42), con abilitazione all’esercizio della professione.

Corpo di Commissariato, 11 posti:

– n. 6 per laureati in Giurisprudenza (LGM/01);

– n. 5 per laureati in Scienze dell’economia (LM 56).

I requisiti richiesti

Per poter entrare a far parte dell’esercito italiano, oltre a superare le diverse prove presentate, è necessario avere anche i seguenti requisiti richiesti:

– cittadinanza italiana;

– godimento dei diritti civili e politici;

– età non superiore ai 38 anni;

– non essere stati condannati e non essere imputati in procedimenti penali per delitti non colposi;

– non essere stati sottoposti a misure di prevenzione;

– aver tenuto condotta incensurabile;

– non aver tenuto nei confronti delle istituzioni democratiche comportamenti che non diano sicuro affidamento di scrupolosa fedeltà alla Costituzione Repubblicana e alle ragioni di sicurezza dello Stato;

– non essere stati destituiti, dispensati, dichiarati decaduti o licenziati dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione, o prosciolti, d’autorità o d’ufficio, da precedente arruolamento nelle Forze Armate o di Polizia;

– essere in possesso di titolo di laurea in uno degli ambiti disciplinari previsti per l’accesso alla selezione pubblica;

Come posso candidarmi?

Come già è stato riportato sopra, il nuovo concorso scade nel giorno 19 settembre 2019.

E’ possibile dare un’occhiata più da vicino al bando se si scarica lo stesso attraverso il portale del Ministero della Difesa e candidarsi secondo le procedure sempre presenti sul portale.

Leggi anche:

Liquidazione pensione: sistema unico anche per il personale dell’Esercito, Marina, Aeronautica, Guardia di Finanza e Polizia Penitenziaria


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.