Concorso per 616 operatori giudiziari: modulo, requisiti e ISEE aggiornato, possibilità anche per chi lavora, ancora pochi giorni alla scadenza

Concorso di 616 operatori giudiziari in varie Regioni: modulo di domanda, perché bisogna allegare l’ISEE, titoli e le prove valutative; partecipare se si lavora?

Continuano ad arrivare richieste di chiarimenti sul concorso di 616 operatori giudiziari in varie regioni di Italia. Molti lettori ci chiedono il modulo di domanda, perché bisogna allegare l’ISEE, come vengono valutati i titoli e le prove valutative; se è possibile partecipare se si lavora.  Cerchiamo di rispondere a queste domande nello specifico, ricordiamo che molti centri per l’impiego non sono ancora pronti e questa situazione crea  molte incertezze e dubbi sui possibili partecipanti al concorso.

Concorso per 616 operatori giudiziari: partito nelle Marche

Il concorso è partito attualmente nella Regione Marche, la Puglia aveva in primo momento comunicato la selezione per poi pubblicare un comunicato l’11 novembre dove la sospendeva. Per approfondimenti, è possibile trovare qui la notizia completa: Concorso per 616 operatori giudiziari: avvio selezioni Centro per l’impiego Marche

Dopo la selezione emanata dalla regione Marche, finalmente molti dubbi sulla valutazione dei titoli e sulla richiesta del modello ISEE aggiornato sono stati chiariti. In quest’articolo abbiamo estrapolato il modello della regione Marche come fac simile e per non farvi trovare impreparati alla partenza nella selezione anche nelle altre regioni

Prova selettiva e giudizio di “Idoneità”

Nel concorso per 616 operatori giudiziari è irchiesta una prova di valutazione comparativa, ma è solo finalizzata alla formulazione di un giudizio di “Idoneità”

La selezione, mirata ad accertare l’idoneità del lavoratore a svolgere le mansioni previste dal profilo professionale di operatore giudiziario, si svolge presso la Corte di Appello (della Regione dove è indetta la selezione) e consiste in un colloquio e in una prova pratica di idoneità. La prova pratica di idoneità ha ad oggetto la verifica della capacità di riordinare fascicoli cartacei e la verifica del possesso delle nozioni di base nell’uso di computer e sistemi informatici (utilizzo di programmi di videoscrittura e della posta elettronica, capacità di navigazione sulla rete internet). Per i candidati che non siano cittadini italiani verrà accertata altresì l’adeguata conoscenza della lingua italiana.

Ammessi a partecipare anche i lavoratori occupati

Sono ammessi a partecipare al concorso per 616 operatori giudiziari, anche i lavoratori occupati ma in subordine ai lavoratori privi di impiego. Fatti salvi i controlli sulla correttezza della domanda e sullo stato di famiglia delle persone in posizione utile, si evidenzia che ogni altro controllo è riservato all’Ente assumente secondo quanto stabilito dall’art. 3 dell’avviso pubblico ministeriale (GU n.80 del 8-10-2019). La nomina in prova e l’immissione in servizio dei lavoratori avviati all’impiego sono disposte con riserva di accertamento dei requisiti per l’ammissione.

Domanda di presentazione delle candidature per concorso di 616 operatori giudiziari

Per partecipare alla presente richiesta di personale si dovrà utilizzare il modello (domanda del Centro dell’Impiego con posti disponibili), parte integrante del presente bando. La domanda di partecipazione dovrà essere presentata personalmente dagli interessati, in possesso dei requisiti, presentandosi (pena la non ammissibilità) presso uno dei 13 Centri Impiego della Regione negli orari indicati nel medesimo art. 1. Al momento della presentazione della domanda l’interessato dovrà essere munito di:

  • Documento di riconoscimento in corso di validità;
  • Certificazione ISEE ordinario o corrente in corso di validità rilasciata sulla base della normativa vigente (si precisa che al punteggio iniziale di 100 punti va aggiunto un punto, con arrotondamento ai centesimi, per ogni mille euro fino ad un massimo di 75 punti). La mancata presentazione della documentazione relativa all’ISEE comporterà l’attribuzione d’ufficio del punteggio massimo pari a 175 punti. Nel caso in cui l’utente presenti un’attestazione ISEE riportante l’indicazione di omissioni o difformità, sarà concesso un termine di 15 giorni dalla data di presentazione della domanda per produrre una nuova attestazione ISEE priva di annotazioni; allo scadere dei 15 giorni, in assenza della nuova attestazione ISEE, priva di annotazioni, sarà attribuito il punteggio massimo di 175 punti;
  • È ammessa la presentazione della DSU per garantire all’utente la partecipazione, nei termini, alla selezione. È onere dell’interessato presentare la certificazione ISEE entro e non oltre il termine di 15 giorni successivi alla presentazione della domanda. La mancata presentazione dell’attestazione ISEE entro il termine indicato, verrà attribuito d’ufficio il punteggio massimo pari a 175 punti.

Attribuzione di punteggi aggiuntivi 

Con riferimento all’attribuzione di punteggi aggiuntivi per il concorso di 616 operatori giudiziari, di cui all’art. 5 del bando ministeriale (GU n. 80 del 8/10/19), si specifica che è fatto onere agli interessati di presentare specifica attestazione rilasciata dai competenti Uffici Giudiziari presso cui hanno svolto il periodo di esperienza professionale e gli eventuali cicli di perfezionamento ai fini dell’attribuzione dei punteggi aggiuntivi in applicazione dell’art. 14 comma 10-quater del D.L. n. 4/2019 (RDC) e smi. In caso di mancato possesso della citata attestazione, il candidato può autocertificare l’esperienza presso gli Uffici Giudiziari, ai sensi dell’art. 4 comma 4 del Bando ministeriale.

Sulle autodichiarazioni prodotte sarà effettuato immediato controllo con le autorità competenti.

Dopo la formulazione della graduatoria, l’Ufficio di Coordinamento regionale provvede all’attribuzione dei punteggi aggiuntivi. Il punteggio migliorativo (che si traduce in sottrazione dal punteggio determinato dal valore ISEE) è pari ad una percentuale del: – 15%, della media ottenuta sommando i punteggi dei candidati classificati al primo e all’ultimo posto, per coloro che abbiano maturato le condizioni di cui all’art.50 comma 1-Quater del DL 90/14 e smi – 3%, della media ottenuta sommando i punteggi dei candidati classificati al primo e all’ultimo posto, per coloro che abbiano maturato le condizioni di cui all’art.50 comma 1-Quinquies del medesimo Decreto Legge.

Concorso per 616 operatori giudiziari: Fac – simile del modulo richiesto per la partecipazione al bando

Ricordiamo che questo è solo un fac simile della domanda che va chiesta per la partecipazione al bando di concorso per 616 operatori giudiziari. Ogni Centro dell’Impiego dovrà emanare il suo modulo specifico. 

Allegato ….. all’Avviso pubblico

Modello di candidatura all’avviamento a selezione presso la pubblica amministrazione ai sensi dell’art. 16 l. 56/87 e dgr 894/18

  • Richiesta di partecipazione all’Avviso Pubblico emanato con DDPF n.____riferita all’offerta di lavoro ai sensi dell’art. 16 L. 56/87 presso Ministero della Giustizia (Operatore Giudiziario).

Il/la Sottoscritto/a ___________________________________________________________________

(Nome Cognome)

Cod. fisc.  _________________   nato/a ________________________Prov_____________il_______ (Luogo)

Residenza: ________________________________________________________________________

(Via, numero civico, CAP, Città e Provincia)

Documento di riconoscimento (Tipo e n. ________________________________________)

con riferimento all’Avviso pubblico indicato in oggetto,

CHIEDE

Di partecipare alla prevista graduatoria per l’avviamento a selezione di n.24 operatori presso gli uffici giudiziari della Corte d’Appello – Distretto di ……………..

A tal fine, nella consapevolezza della responsabilità penale e delle conseguenti sanzioni penali cui può andare incontro, nel caso di dichiarazioni non veritiere, di produzione od uso di atti falsi, ai sensi dell’art. 76 del DPR n. 445 del 28 dicembre 2000, nonché della decadenza dei benefici eventualmente conseguiti, così come previsto dall’art. 75 del citato D.P.R.

D I C H I A R A

  • di avere i seguenti requisiti di cittadinanza:
  • di essere cittadino italiano; oppure
  • di essere cittadino di uno Stato membro dell’Unione Europea e di possedere i requisiti, ove compatibili, di cui all’art 3 del DPCM 174/94;
  • di essere familiare di cittadini italiani o di un altro Stato membro dell’Unione Europea, che non abbia la cittadinanza di uno Stato membro, ma che sia titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente e di possedere i requisiti, ove compatibili, di cui all’art 3 del DPCM 174/94;
  • di essere cittadino di Paesi terzi titolare del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o titolare dello status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria e di possedere i requisiti, ove compatibili, di cui all’art 3 del DPCM 174/94;
  • di essere in possesso del diploma di istruzione secondaria di primo grado (scuola media inferiore)
  • di possedere eventuale altro titolo di studio (____________________ – conseguito in data_________________, presso ____________________ );

Con riferimento ai precedenti punti 2 e 3, per i cittadini stranieri:

  • di possedere il titolo di equivalenza al corrispondente titolo di studio conseguito in Italia rilasciato dal Dipartimento della Funzione Pubblica (art. 38, commi 3, 3-bis del D.lgs 165/01);
  • di possedere il titolo di equipollenza al corrispondente titolo italiano.

 

  • di essere maggiorenne;
  • di possedere l’Idoneità fisica allo svolgimento delle funzioni a cui la procedura si riferisce (da intendersi per i soggetti con disabilità come idoneità allo svolgimento delle mansioni di cui al vigente ordinamento professionale);
  • di possedere le qualità morali e di condotta di cui all’art. 35, comma 6, del Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n. 165;
  • di avere il godimento dei diritti civili e politici (per i cittadini extra UE si applica solo in quanto compatibile);
  • di non essere stati esclusi dall’elettorato attivo (per i cittadini extra UE si applica solo in quanto compatibile);
  • di non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblicaamministrazione insufficiente rendimento, ovvero essere stati dichiarati  decaduti impiego statale, ai sensi dell’art. 127, primo comma, lettera d) del testo unico, approvato con decreto del Presidente della Repubblica  10/01/57, n. 3, e ai sensi delle corrispondenti disposizioni di legge e dei contratti collettivi  nazionali di lavoro relativi al personale dei vari comparti;
  • di non aver riportato condanne penali, passate in giudicato, per reati che comportano l’interdizione dai pubblici uffici (per i cittadini extra UE si applica solo in quanto compatibile);
  • per gli iscritti di sesso maschile, nati  entro  il  31dicembre 1985, di essere in posizione regolare nei riguardi degli obblighi di leva secondo la vigente normativa italiana (per i cittadini extra UE si applica solo in quanto compatibile).
  • Di avere adeguata conoscenza della lingua italiana (per i candidati che non siano cittadini italiani)
  • di essere nella seguente situazione occupazionale:
  • effettivamente privo di lavoro (effettiva assenza di rapporto di lavoro subordinato / parasubordinato, ivi inclusi i lavori autonomi).
  • lavoratore autonomo con partita IVA non movimentata negli ultimi 12 mesi (Circ. Min.n.39/16)
  • attività lavorativa dipendente in atto con la seguente tipologia di contratto________________________
  • attività lavorativa autonoma in atto con partita IVA movimentata negli ultimi 12 mesi (Circ. Min.n.39/16)

 

  • di essere in possesso della “Qualifica” di _________________, nonché dei requisiti specifici eventualmente richiesti oggetto di selezione (registrata/i presso il CPI di ______________________ almeno entro la data del 29 novembre 2019 a fronte di consegna d’idonea documentazione);
  • di essere iscritto/a nell’elenco anagrafico del Centro per l’Impiego di _______________________ in data antecedente a quella della richiesta dell’ente (28/10/2019);
  • di essere immediatamente disponibile allo svolgimento dell’attività lavorativa prevista dalla presente offerta di lavoro;

 

Inoltre, il sottoscritto dichiara:

  • di aver preso visione dell’art. 10 “INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI (ai sensi dell’art. 13, Regolamento 2016/679/UE – GDPR)” dell’Avviso e di essere pertanto informato, ai sensi del citato Regolamento, sulle modalità di trattamento dei dati personali forniti, illustrate nel medesimo articolo, inclusi i diritti a lui spettanti. I dati raccolti saranno trattati, anche con strumenti informatici, nell’ambito del procedimento per il quale la presente dichiarazione viene resa e per gli usi consentiti dalla legge. Il mancato conferimento dei dati comporta pertanto, quale conseguenza, la non ammissione al procedimento di che trattasi.
  • di essere informato che, qualora la persona avviata a selezione non si presenti alle prove di idoneità, ovvero, successivamente alla dichiarazione di idoneità da parte delle Pubbliche Amministrazioni, rinunci all’opportunità di lavoro, o si dimettano in costanza di rapporto regolarmente avviato, in tutti i casi senza giustificato motivo, non potrà più partecipare alle chiamate a selezione ex art. 16 L. 56/87 per tre mesi, anche dietro trasferimento del domicilio. Tali disposizioni non si applicano ai lavoratori con diritto di precedenza di all’articolo 36 – comma 2 del D. Lgs. 165/01 limitatamente alle chiamate dell’ente presso il quale hanno manifestato tale diritto.
  • Che ogni comunicazione riguardante il presente bando deve essere effettuata al seguente indirizzo:_________________________________________________(Se diverso dall’indirizzo di residenza) e che per eventuali comunicazioni con carattere d’urgenza devono essere utilizzati i seguenti recapiti:

Cellulare n.___________________________ Mail ______________________________________________

 

  • Di essere nelle condizioni di cui all’art. 5 del bando ministeriale (GU n. 80 del 8/10/19) relativamente all’attribuzione dei punteggi aggiuntivi previsti per coloro che abbiano svolto un’esperienza presso gli Uffici Giudiziari, ai sensi dell’art. 4 comma 4 del Bando ministeriale. SI [ ] – NO [ ]

 

A completamento delle dichiarazioni sostitutive di certificazioni rese, ai sensi e per effetto del DPR n.445/2000 e s.m.i.

PRODUCE

– documento d’identità in corso di validità;

– eventuale certificazione ISEE (o DSU) in corso di validità rilasciata sulla base alla normativa vigente

– eventuale autocertificazione del possesso di punteggi aggiuntivi di cui all’art. 5 del bando   SI [ ] – NO [ ]

– eventuale documentazione relativa alla riserva di posti a favore delle forze armate.

– eventuale documentazione relativa all’equipollenza/Equivalenza dei titoli di studio dichiarati

NB – i citati documenti saranno scansionati ed allegati al fascicolo elettronico del lavoratore

(luogo e data)______________________

Il Dichiarante_________________________________________________

(la firma deve essere apposta in presenza dell’operatore del Centro per l’Impiego)

NON COMPILARE: spazio riservato al Centro per l’Impiego

Il Sig./ra ___________________________________________ nato/a a ______________________________ il ___/___/_____ ID JA ______________________________ha presentato la richiesta di partecipare alla graduatoria su presenza per la selezione relativa all’avviamento ai sensi dell’art. 16 legge n. 56/87 e s.m.i. di n. 24 unità a T. indeterminato, full time, presso Ministero della Giustizia. 

 

Data ___________

Timbro e firma dell’operatore addetto

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Proprietaria, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”