Concorso per laureati: ecco il bando per 95 funzionari

Pubblicato il bando di concorso per 95 funzionari giuridici pedagogici per il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria. Ecco cosa sapere.

Nella Gazzetta Ufficiale n.42 del 29 maggio 2020 è stato pubblicato un bando di concorso per la copertura di 95 posti di funzionari giuridici pedagogici. Le risorse saranno inserite nel Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria del Ministero della giustizia. Ecco cosa sapere di questo concorso.

Clicca sulla categoria che ti interessa per non perdere le nostre news: Lavoro e Concorsi.

Concorso funzionario giuridico pedagogico Ministero della giustizia: requisiti

Il concorso, per esami, pubblicato nella GU n.42 del 29 maggio 2020 è rivolto all’assunzione di 95 funzionari della professionalità giuridico pedagogica da inserire in Area III/F1 del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria del Ministero della giustizia. Sui posti suddetti opera la riserva per il personale interno appartenente, però, all’Area II. Nello specifico si tratta di 19 posti. Ulteriori posti sono riservati ai soggetti in favore della legge n.68/1999 e ai volontari delle forze armate.

Gli interessati a partecipare al concorso devono essere in possesso dei requisiti generali, mentre il requisito specifico, in questo caso, è:

a)laurea vecchio ordinamento, magistrale e specialistica in: scienze dell’educazione e della formazione, giurisprudenza, pedagogia, sociologia, dei servizi giuridici, scienze e tecniche psicologiche, programmazione e gestione dei servizi educativi e formativi, scienze dell’educazione degli adulti e della formazione; ovvero titoli equiparati ed equipollenti secondo la vigente normativa.

I candidati saranno ammessi alle prove concorsuali con riserva.

Come presentare domanda per il concorso

I candidati devono presentare domanda di concorso esclusivamente in modalità telematica, compilando l’apposito modulo entro il 29 giugno 2020. Il modulo e le indicazioni della compilazione della domanda sono disponibili sul sito del ministero all’indirizzo: www.giustizia.it, sezione Strumenti>Concorsi, esami, selezioni e assunzioni.

Al termine della compilazione sarà generata un PDF della domanda ed una ricevuta di invio con il numero identificativo, data e ora di presentazione della stessa. I candidati dovranno salvare, stampare e presentare il giorno della prova orale sia la domanda che la ricevuta. Inoltre, la domanda dovrà essere firmata il giorno della prova orale (o della eventuale preselezione).

Ulteriori comunicazioni

Il calendario con le date e il luogo di svolgimento delle prove d’esame sarà pubblicato a partire dal 24 luglio 2020 sul sito del ministero. Tale comunicazione avrà valore di notifica a tutti gli effetti e per tutti i candidati.

Prove di esame

I candidati per superare il concorso devono affrontare due prove scritte e una prova orale. Durante la prova orale i partecipanti dovranno dimostrare anche la conoscenza di una lingua straniera e capacità e attitudini all’uso di apparecchiature e applicazioni informatiche. Le materie oggetto d’esame sono indicate nell’art. 9 del bando di concorso.

Nel caso in il numero di domande pervenute siano superiori a mille (1.000), si procederà, ad una prova preselettiva consistente in domande a risposta multipla su argomenti di cultura generali e sulle materie indicate nel suddetto articolo. Alle prove successive saranno ammessi i primi 500 candidati. La data e la sede della prova preselettiva sarà pubblicata mediante avviso sul sito del ministero e avrà valore di notifica a tutti gli effetti.

Per tutte le altre informazioni sul questo concorso, si rimanda alla lettura integrale del bando reperibile sul sito del ministero: www.giustizia.it, sezione Strumenti>Concorsi, esami, selezioni e assunzioni.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp