Concorso pubblico Categorie protette: 49 posti Ospedali riuniti di Palermo, ecco il bando

Pubblicato un concorso per Categorie protette. Infatti, Ospedali riuniti di Palermo assume 49 risorse da inserire in organico. Ecco il bando.

L’Azienda ospedaliera Ospedali riuniti di Palermo ha indetto un concorso pubblico, per titoli ed esami, riservato alle categorie protette. Si richiede laurea e diploma. La scadenza per inviare la domanda è il 30 gennaio. Ecco il bando per partecipare.

Concorso Ospedali riuniti di Palermo: posti disponibili

L’Azienda ospedaliera “Ospedali riuniti Villa Sofia-Cervello” di Palermo ha pubblicato un bando di concorso, a tempo pieno e indeterminato, riservato alle categorie protette di cui all’art. 1 e 18 della Legge 68/99, all’art. 1 della Legge n. 407/98, integrato dalla Legge n. 244/2007. In totale, i posti sono 49, così distribuiti:

a)10 posti riservati alle categorie protette di cui all’art. 18 della Legge n. 68/99 e all’art. 1 della Legge n. 407/98, integrato dalla Legge n. 244/2007,

b)39 posti riservati alle categorie dei lavoratori disabili di cui all’art. 1  dalla Legge n. 68/99.

I profili professionali da inserire sono laureati in varie discipline e diplomati: infermieri, tecnici di laboratorio e di radiologia, fisioterapisti, programmatori, amministrativi, OSS.

Le risorse saranno assegnate a varie aree dell’Azienda.

Per i dettagli dei posti messi a concorso, i candidati devono leggere l’art. 1 del bando.

Requisiti

Coloro che intendono partecipare al concorso, devono possedere i seguenti requisiti così riassunti:

a)cittadinanza italiana o di uno Stato membro dell’Unione europea;

b)idoneità fisica all’impiego e alla mansione specifica;

c)età non inferiore a 18 anni;

d)non essere stati esclusi dall’elettorato attivo, né dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione;

e)iscrizione negli elenchi di cui l’art. 8 della Legge n. 68/99, ovvero collocamento mirato in qualità di:

  • persone con disabilità di cui all’art. 1 della Legge n. 68/99,
  • persone appartenenti alle categorie di cui all’art. 18 della Legge n. 68/99, art. 1 della Legge n. 407/98, integrato dalla Legge n. 244/2007;

f)possesso del titolo di studio ed, eventuale, iscrizione all’albo come richiesto nell’art. 2 del bando.

I requisiti devono essere posseduti alla data di scadenza del bando, ovvero entro il 30 gennaio 2020.

Come partecipare al concorso

I candidati interessati a questo concorso, in possesso dei relativi requisiti, possono partecipare a più profili professionali compilando, però, distinte domande per ciascuna selezione. Nel caso in cui ciò non avvenga, l’Amministrazione prenderà in considerazione il primo profilo menzionato come giusto, escludendo il candidato dalle altre selezioni.

La domanda di partecipazione al concorso deve essere redatta secondo il facsimile allegato al bando e inviata, entro il 30 gennaio 2020, all’Azienda ospedaliera, esclusivamente, tramite posta elettronica certificata PEC intestata al candidato. Non saranno prese in considerazione domande inviate tramite posta elettronica non PEC.

I documenti da allegare alla domanda sono:

1)documento di riconoscimento valido, pena esclusione;

2)certificazioni e altri documenti utili per la valutazione che dimostrino il possesso dei requisiti riportati nell’art. 2 del bando;

3)curriculum formativo e professionale redatto come il modello allegato al bando.

La domanda e, gli eventuali allegati, devono essere inviati, possibilmente, in un unico file in formato PDF.

Per ulteriori informazioni sui documenti da allegare, i candidati devono leggere l’art. 3 del bando di concorso.

Prove d’esame

I candidati ammessi al concorso, dovranno affrontare prove scritte, pratiche ed orali secondo il profilo professionale scelto per la selezione. Le materie di studio sono indicate nell’art. 6 del bando. La sede e la data della prima prova, invece, verrà comunicata all’indirizzo PEC del candidato e sul sito dell’Azienda alla pagina Concorsi.

Per ulteriori informazioni, i candidati devono leggere il bando integrale del concorso.

Leggi anche: Emicrania addio: in ospedale arriva una nuova cura


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp