Condominio: cambio delle tabelle millesimali

Cosa succede se il condominio effettua un cambio delle tabelle millesimali? Risponde la Corte di Cassazione con una recente sentenza

Cosa succede se il condominio effettua un cambio delle tabelle millesimali? A rispondere in merito è intervenuta la Cassazione, con la sentenza n. 26042 del 15 ottobre 2019, che ha affermato in ambito condominiale l’approvazione e le modifiche delle tabelle millesimali devono risultare da atto scritto, mentre non possono avvenire in conseguenza di comportamenti concludenti tenuti dai condomini.

Condominio e pagamento dei contributi

Inoltre, specifica che  non basta il pagamento dei contributi per diversi anni da parte della collettività condominiale sulla base di tabelle applicate di fatto, oppure la prolungata accettazione dei rendiconti o la partecipazione con voto favorevole a delibere di ripartizione delle spese secondo criteri diversi da quelli risultanti dalle tabelle pre-esistenti.

Animali in condominio, le regole per una pacifica convivenza


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”