Condono: definizione Pvc | Definizione agevolata | Saldo e stralcio | Le novità

Ultime novità su condono con definizione agevolata Pvc, definizione agevolata e Saldo e stralcio, con i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate.

Condono e definzione PVC, scadenza del “Saldo e Stralcio“, la rinuncia dei giudizi dalla Commissione Tributaria regionale della Sicilia, ultimi chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate.

Definizione agevolata Pvc

Con il provvedimento del 23.01.2019, comunica che sono state risolte quasi tutte le questioni relative alla definizione dei Pvc e i rapporti con il conseguente (successivo) atto di accertamento. In particolare, è stato stabilito che non costituisce elemento ostativo alla sanatoria la presentazione di un’istanza di adesione in relazione all’atto di accertamento (conseguente al Pvc) notificato dopo il 24 ottobre 2018. Allo stesso modo, non costituisce situazione ostativa alla definizione del Pvc l’impugnazione dell’atto di accertamento (sempre derivante dal Pvc) notificato dopo il 24 ottobre 2018.

Perfezionamento della definizione agevolata PVC

Inoltre, al punto 6.2 si prevede che gli effetti del perfezionamento della definizione prevalgono sulle
eventuali attività di accertamento svolte successivamente al 24.10.2018 (sempre riferite alle violazioni
constatate nel Pvc) anche in caso di mancata impugnazione e scadenza del relativo termine. In sintesi,
è consentito definire il Pvc anche quando il conseguente atto di accertamento notificato dopo il
24.10.2018 è divenuto definitivo per mancata impugnazione. Il perfezionamento del Pvc prevale, in
definitiva, sull’attività di accertamento successiva al 24.10.2018 e derivante dallo stesso Pvc.

Scadenza del “Saldo e stralcio”

 Scade il 30 aprile 2019 il termine per inviare la domanda per la procedura “saldo e stralcio”, per la quale,
fino al 1 marzo 2019, risultano già presentate circa 22.000 adesioni.

Definizione agevolata e rinuncia al giudizio

La Commissione tributaria regionale della Sicilia, sezione 1, con la sentenza 5 febbraio 2019, n. 645, ha
stabilito che l’impegno a rinunciare ai giudizi, in presenza di domanda di definizione agevolata dei
carichi affidati agli agenti della riscossione, non equivale, ai fini processuali, alla rinuncia al ricorso;
integra, invece, i presupposti per l’estinzione del giudizio per cessata materia del contendere.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Angelina Tortora

Proprietaria, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”