Condono tombale: saldo e stralcio per tutte le cartelle, pace fiscale due

La proposta di un condono tombale con saldo e stralcio di tutte le cartelle esattoriali, una pace fiscale due, si avvicina sempre di più, anche dopo l’ultima ordinanza della Cassazione. Ecco perchè ci sono buone probabilità che venga approvata.

La proposta di un condono tombale con saldo e stralcio di tutte le cartelle di qualsiasi tipo in modo che il contribuente possa fare pace con il Fisco e allo stesso tempo entrano soldi nelle casse dello Stato, è questa la misura proposta da Matteo Salvini leader della Lega. Dopo la vittoria in Cassazione con l’ordinanza numero 11187/2020 che specifica lo stralcio dei debiti per singola partita superiore a mille euro e non con l’importo totale della cartella esattoriale, quindi, può accadere che sia azzerata una cartella di importo maggiore se contiene più debiti di importi inferiore a mille euro. 

Condono tombale con saldo e stralcio di tutte le cartelle, la proposta

A lanciare la proposta di una pace fiscale due con un condono tombale è  Massimo Bitonci, ex sottosegretario in quota Lega al ministero dell’Economia e delle finanze del primo Governo Conte, che ha emanato le norme sulla pace fiscale. 

L’ordinanza della Cassazione sottolinea la possibilità di stralciare i debiti fino a mille euro singolarmente e non sul cumulo della cartella esattoriale, lo stralcio deve avvenire per singolo tributo. 

Dopo questi ultime interpretazione, nasce la necessità di concepire una pace fiscale due, per evitare il contenzioso fiscale che si preannuncia abbastanza considerevole, visto anche la situazione difficile che attraversa l’Italia con il Covid-19. 

Una riapertura dei termini aprendo le porte ai contribuenti verso una seconda pace fiscale più ampia con rottamazione cartelle e saldo e stralcio per tutte le cartelle, ma non solo. Dare la possibilità ai contribuenti di fare pace con il Fisco per tutti i debiti in corso e pendenti, un azzeramento per ripartire alla grande e nello stesso tempo questo porterebbe un gettito nelle casse dello Stato che hanno bisogno di liquidità. 

Bitonci conclude dicendo che bisogna trovare tutte le soluzioni per tagliare il contenzioso tributario e rimediare agli errori. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”