Congedo biennale retribuito con legge 104: due appartamenti stesso comune, si può fare domanda?

Congedo biennale straordinario legge 151 per assistere il familiare con legge 104, in che modo si intende soddisfatto il requisito di convivenza?

Il congedo biennale retribuito in base alla legge 151, viene riconosciuto ai lavoratori dipendenti del settore pubblico e privato, che assistono in via continuativa un familiare disabile ai sensi della legge 104 art. 3 comma 3. Per poter fruire del congedo bisogna inoltrare domanda all’Inps e al datore di lavoro, l’Ente dopo un’attenta verifica, comunicherà il diniego o l’accettazione della domanda. Il congedo straordinario legge 151 può essere fruito per due anni in tutta la vita lavorativa del dipendente e per un solo familiare. Ai fini pensionistici è coperto da contribuzione figurativa valida sia al diritto che alla misura. Il congedo non viene concesso facilmente, ci sono due requisiti fondamentali pena il diniego della domanda, e consistono nel diritto di priorità familiare e nel requisito di convivenza con il familiare d’assistere in via continuativa. 

Il requisito di convivenza si intende soddisfatto anche con la dimora temporanea se facente parte di due Comuni differenti, oppure con la coabitazione (stesso Comune, stesso stabile in due appartamenti separati).

Congedo straordinario legge 151: dimora nello stesso Comune

Un lettore ci pone la seguente domanda: Usufruisco della 104 per mia madre ma viviamo in due abitazioni diverse ma nello stesso comune posso richiedere sul congedo straordinario per due anni retribuito e questo periodo mi varrà  per poter andare in pensione tra 3 anni con quota cento ? Grazie (come posso procedere eventualmente e a chi fare domanda  sono una docente di scuola superiore di II grado).

Risposta

Abitare nello stesso Comune non soddisfa il requisito di convivenza richiesto per poter fruire del congedo, bisogna abitare anche nello stesso stabile, allo stesso numero civico e in due appartamenti diversi (coabitazione). Altrimenti bisogna spostare la residenza di sua madre presso di lei. Inoltre, non può fruire della dimora temporanea in quanto non è prevista per lo stesso Comune, ma solo per i Comuni differenti. 

Il congedo straordinario legge 151 per assistere il familiare con legge 104, è coperto da contribuzione figurativa, utile sia al diritto che alla misura per il pensionamento, quindi non ha nessuna incidenza negativa.

Congedo biennale retribuito con legge 104, anche per i coniugi separati

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: FacebookTwitterGnewsInstragram e WhatsApp al numero +39 3515397062


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”