Congedo con legge 104: assistenza h24 o si può uscire?

Congedo con legge 104 il familiare ha bisogno di assistenza H24 o si può uscire? Lo stipendio quale decurtazione subisce? Vediamo cosa si può fare e cosa no.

Congedo straordinario legge 151 per assistere il familiare con legge 104, come cambia lo stipendio e cosa significa assistere il familiare disabile, si può uscire? Rispondiamo a queste domande e chiariamo come deve essere l’assistenza al familiare con disabilità.

Congedo con legge 104: assistenza H24

Buongiorno, percepisco un assegno di invalidità e mia madre vive con me e ha bisogno di assistenza continua, ha la legge 104 con gravità. Sono un dipendente, vorrei chiedere il congedo per assisterla, vorrei sapere come sarà la mia retribuzione e se perdo l’assegno di invalidità. Poi mi hanno detto che non posso uscire da casa è vero? Grazie

Indennità e contribuzione figurativa

In riferimento alla retribuzione che le sarà corrisposta per la fruizione del congedo straordinario legge 151/2001 per assistere il familiare con handicap grave, un importo pari all’ultima retribuzione percepita nell’ultimo mese di lavoro, sono esclusi gli emolumenti variabili della retribuzione. Inoltre, il periodo di astensione del lavoro viene accreditata la contribuzione figurativa valida sia per il diritto che per la misura della pensione. 

L’indennità e la contribuzione figurativa spettano ai lavoratori dipendenti fino ad un importo complessivo massimo annuo rivalutato fissato nel 2019 in euro 48.495,36.

Bisogna precisare che i periodi di astensione lavorativa per congedo non cono computati ai fini della maturazione di tredicesima, trattamento di fine rapporto, ferie, ma sono validi ai fini del calcolo dell’anzianità assicurativa. 

La normativa chiarisce che l’assegno ordinario di invalidità (legge 22/84) è cumulabile con il congedo straordinario legge 151/2001. Lo specifica il messaggio Inps numero 8733 del 4 aprile 2007.

La domanda per fruire del congedo deve essere inoltrata telematicamente all’Inps e consegnata copia dell’inoltro al datore di lavoro. 

Congedo straordinario e assistenza continua

In riferimento all’uscire di casa durante la fruizione del congedo straordinario per assistere il familiare con handicap grave ai sensi della legge 104/1992, lei può uscire di casa. Quello che è vietato in assoluto fare durante il congedo è svolgere un’altra attività lavorativa. 

L’assistenza al familiare disabile non può consistere nella presenza 24 ore su 24, ma è in funzione delle attività ausiliari e collaterali. Nel senso che la fruizione del congedo non può significare una rinuncia totale della vita della persona che assiste, che comunque ha delle sue esigenze personali (diritto al riposo, famiglia, ecc.), 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”