Congedo di due anni con legge 104 per la mamma in presenza di un altro familiare convivente

Congedo di due anni per assistere il familiare con legge 104, se c’è già un familiare convivente che non se ne occupa, è possibile fare richiesta?

Congedo di due anni retribuiti e coperti da contribuzione figurativa utile alla misura e al diritto alla pensione. Il congedo straordinario legge 151 non spetta a tutti e per fare domanda bisogna rispettare due requisiti fondamentali: il diritto di priorità familiare e il requisito di convivenza. Il familiare d’assistere deve avere il verbale legge 104 con handicap grave ai sensi dell’articolo 3 comma 3. 

Congedo di due anni con legge 104

Abbiamo più volte argomentato i vari aspetti del congedo e i limiti imposti per garantire assistenza al familiare con disabilità. Molte volte ci è stato chiesto se la residenza con il disabile significava assistere il familiare 24 ore su 24, abbiamo chiarito che bisogna trascorrere una vita il più possibile normale incentrata sull’assistenza al familiare. È possibile trovare qui alcuni chiarimenti: Congedo con legge 104: assistenza h24 o si può uscire?

Un lettore ci chiede cosa fare in presenza di un altro familiare convivente, analizziamo la sua domanda utile a molti che si trovano in questa circostanza.

Legge 104 e familiare convivente

Un lettore ci scrive: “Buongiorno
Ho una situazione vorrei chiedere il congedo parentale per mia madre che vive con mio fratello pensionato e che non si interessa di accudirla io vivo in un altro paese e vorrei chiedere il cambio di domicilio temporaneo o se necessario la residenza. È OSTATIVA la presenza di mio fratello in questo caso? Oppure lui dichiara di non volersene occupare. Attendo vs. grazie”

Se suo fratello pensionato vive con sua madre è lui che dovrebbe prestare assistenza, il diritto viene meno quando ci sono patologie invalidanti che non permettono di assistere un’altra persona. 

La sola giustificazione non basta, perché deve essere motivata da fatti concreti, in quando fa parte dello stesso nucleo familiare di sua madre e spetta a lui il diritto di priorità familiare richiesto dal congedo straordinario di due anni in base alla legge 151. 

Lei può fare domanda cambiano la residenza o richiedendo la residenza temporanea presso il Comune dove risiede sua madre solo in presenza di una documentazione che attesti che il familiare convivente è affetto da patologie invalidanti. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”