Congedo straordinario con legge 104 per il figlio studente, chiarimenti e domanda

Affrontiamo un problema molto delicato in riferimento alla fruizione del congedo straordinario legge 151 per assistere il figlio studente.

Affrontiamo in quest’articolo un problema molto delicato in riferimento alla fruizione del congedo straordinario legge 151 per assistere il figlio con legge 104 art. 3 comma 3. A porci la questione è una mamma che ha bisogno di assistere il figlio (portarlo a scuola, accudirlo nelle varie faccende in quanto da solo non può) e il datore di lavoro gli ha detto che per il solo fatto che il ragazzo frequenta la scuola, tale diritto non le spetta. Analizziamo la questione per tutte le mamme che si trovano nella stessa situazione della nostra lettrice.

Congedo straordinario con legge 104 per assistere il figlio

Salve, La mia domanda è particolare. Ho già chiesto ed ottenuto il riconoscimento del congedo straordinario per assistere mio figlio disabile in condizione di gravità minorenne. Poiché il ragazzo frequenta la scuola superiore, il datore di lavoro sostiene che non ne ho diritto,  ho quindi bisogno di sapere se questo è di ostacolo alla fruizione del congedo straordinario.  Per il caso in cui il disabile frequenti la scuola dell’obbligo in rete non ho trovato nulla,  c’è giurisprudenza che specifica la possibilità di ottenere il congedo straordinario anche per assistere il disabile che lavora. Potrebbe gentilmente darmi una risposta al più presto? Almeno prima che il datore di lavoro mi licenzi per questo motivo. Grazie di cuore una mamma

Congedo straordinario: la normativa

Carissima, non c’è niente che vieti la fruizione del congedo straordinario legge 151 per il figlio disabile bisogno di assistenza. La normativa tutela i/le lavoratori/e dipendenti che assistono il familiare con la possibilità della fruizione del  congedo straordinario retribuito della durata di due anni nell’arco dell’intera vita lavorativa introdotto dall’art. 42 del Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n.151 nel seguente ordine: coniuge convivente o, in subordine genitori anche adottivi, o figli conviventi o fratelli conviventi, o per il parente o affine convivente entro il terzo grado; per assistere il familiare portatore di handicap grave.

Sugli aventi diritto, è opportuno precisare che relativamente ai figli, una recente sentenza della Corte costituzionale la n. 232/2018, ha disposto che il figlio, qualora al momento della presentazione della richiesta del congedo, ancora non conviva con il genitore in situazione di disabilità grave, ha l’obbligo di instaurarla per poter legittimamente fruire del beneficio in oggetto ma può nel frattempo legittimamente fare richiesta del beneficio.

Condizione essenziale per la fruizione del congedo

Per poter far richiesta del congedo straordinario legge 151, bisogna osservare delle condizioni essenziali, ed esattamente:

  • accertamento della condizione di handicap in situazione di gravità (art. 3 Legge 104/1992)
  • Il familiare d’assistere con disabilità non sia ricoverata a tempo pieno intendendosi con ciò il ricovero per le intere ventiquattro ore presso strutture ospedaliere o simili, sia pubbliche che private che assicurano assistenza sanitaria continuativa.

Cosa significa handicap in situazione di gravità

Analizziamo quando l’handicap assume connotazione di gravità ai sensi della legge 104 (art. 3 comma 3 Legge 104/92, qualora la minorazione, singola o plurima, abbia ridotto l’autonomia personale, correlata all’età, in modo da rendere necessario un intervento assistenziale permanente, continuativo e globale nella sfera individuale o in quella di relazione.

La situazione di handicap viene accertata dall’Asl di competenza, tramite commissione medico – legale.

Detto questo, se lei hai i requisiti per poter richiedere il congedo straordinario legge 151 per suo figlio per cui è stato accertato l’handicap grave (art.3 comma 3 della legge 104)  ha il diritto a fruire del congedo straordinario legge 151 di due anni anche frazionabile in giorni.

Deve inoltrare domanda all’Inps e notificare copia al datore di lavoro.

Per approfondimenti consigliamo di leggere: Congedo straordinario con legge 104: tempi dalla domanda alla concessione del datore di lavoro

Fonti normative

Legge 104/1992

Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151 

Sito SuperAbile Inail

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 351539706


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”