Congedo straordinario retribuito legge 104 per contratti a tempo determinato: come funziona?

Congedo straordinario retribuito: come funziona per chi ha un contratto a termine che non dura più di due anni?

Il congedo straordinario retribuito, regolato dalla legge 151/2001 permette di fruire di 2 anni di congedo retribuito in base all’ultimo stipendio per assistere un familiare con handicap grave in base alla legge 104, articolo 3, comma 3. Possono fruire di tale congedo, quindi, tutti i lavoratori dipendenti, sia del settore pubblico che di quello privato, con contratto a tempo determinato e indeterminato. Un nostro lettore ci chiede: Buonasera. Sono un professore non di ruolo ma precario, occupato x sei mesi annui. Vorrei sapere se posso usufruire nel periodo lavorativo del congedo straordinario di due anni della legge 104/92 per assistere mia madre con me convivente. Grazie per la Vs disponibilità Distinti saluti.

Congedo straordinario e contratto a termine

Per i dipendenti con contratto a tempo indeterminato vi è la possibilità di fruire di 2 anni continuativi di congedo straordinario retribuito (che a scelta può essere anche frazionato a giorni). Ferma restando la possibilità di poter fruire di un massimo di 2 anni in tutta la vita lavorativa, quindi, il congedo può durare o 2 anni o 730 giorni, se si sceglie la fruizione frazionata dello stesso.

Per i dipendenti con contratto a termine, invece, la situazione è diversa. Se il contratto ha una durata superiore ai 2 anni si può fruire, anche in questo caso, di 2 anni continuativi di congedo (scegliendo anche di fruirne in maniera frazionata se occorre). Se il contratto dura meno di 2 anni, invece, si può fruire del congedo solo per la durata del contratto stesso. Ovviamente, in presenza di un nuovo contratto è possibile fruire del restante periodo non goduto dietro presentazione di nuova domanda.

Nel caso del nostro lettore, quindi, avendo un contratto di sei mesi l’anno (se il precariato prevede un contratto continuativo di 6 mesi, però, se le supplenze sono su contratti diversi non è possibile fruire del congedo) potrà fruire solo del congedo fruibile all’interno della durata del contratto. Supponendo che si presenti, quindi, domanda subito dopo l’assunzione e considerando che la pratica viene accolta in circa 60 giorni, resteranno circa 4 mesi di congedo retribuito da poter godere.

Per approfondire leggi anche: Congedo straordinario con legge 104, requisito di convivenza o coabitazione, ecco di cosa si tratta


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.