Conto corrente: la banca può autorizzare la chiusura all’improvviso

Conto corrente: la banca può chiedere la chiusura improvvisa con un avviso tramite raccomandata 15 giorni prima.

Le banche possono procedere con la chiusura del conto corrente unilateralmente se i conti sono oggetto per reati finanziari da parte della Magistratura o per controlli operati dalla Guardia di Finanza, sempre che sia dimostrato un livello di rischio di credito elevato eccessivo. È quanto risulta da una interrogazione della Commissione Finanze del Senato.

La chiusura del conto corrente: deve essere motivata

Il conto corrente non può essere chiuso all’improvviso ma c’è bisogno che si presentino determinate condizioni,  che permettono alla banca di potere operare la chiusura unilateralmente. Il cliente deve sempre essere avvisato tramite raccomandata con avviso di ricevimento spedita almeno quindici giorni prima.

 Rispondendo a interrogazioni in Commissione Finanze del Senato, è stato chiarito che le banche possono stabilire unilateralmente di chiudere i conti correnti oggetto d’indagine da parte della Guardia di Finanza o da parte della magistratura su reati finanziari, sempre che non vi sia un livello di rischio di credito eccessivamente elevato.

Conto corrente: versamenti e bonifici sotto controllo, ecco come il Fisco ci spia


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”