Conto corrente: sotto la lente di ingrandimento in seguito ai risultati ISA

È molto probabile che un punteggio basso dell’ISA comporta di conseguenza un accertamento sul conto corrente. Ciò è previsto dall’art. 9-bis, c. 14 D.L. 50/2017, in quanto i responsi degli ISA si aggiungono alle informazioni già presenti nell’anagrafe dei rapporti finanziari, aumentando il rischio di analisi dell’Agenzia delle Entrate e della Guardia di Finanza. L’Agenzia […]

È molto probabile che un punteggio basso dell’ISA comporta di conseguenza un accertamento sul conto corrente. Ciò è previsto dall’art. 9-bis, c. 14 D.L. 50/2017, in quanto i responsi degli ISA si aggiungono alle informazioni già presenti nell’anagrafe dei rapporti finanziari, aumentando il rischio di analisi dell’Agenzia delle Entrate e della Guardia di Finanza. L’Agenzia dell’Entrate con due circolare, emesse nei mesi scorsi, e precisamente le circolari: n. 17/E del 2/8/19 e la n. 20/E del 9/09/19, ha ribadito l’influenza tra i punteggi di affidabilità e l’archivio dei rapporti finanziari.  Ciò, quindi, da conferma della pericolosità e delle insidie che si possono dedurre dai giudizi di inaffidabilità fiscale.

Conto Corrente: accertamenti basati sulle anagrafe ritornano di moda

Si può evidenziare che gli accertamenti basati sulle risultanze dell’anagrafe dei conti correnti è tornato di attualità, e potrebbe costituire una buona mossa per la lotta all’evasione. Un’altra spinta a tale tipologie di accertamenti potrebbe derivare, al di là dai punteggi ISA, anche da altre forme di utilizzo delle risultanze bancarie quali il c.d. risparmiometro o bancometro.

L’Amministrazione Finanziaria vuole utilizzare tali dati con l’attività di accertamento diretto e efficace che si basa su alcuni elementi da trarre dalla lettura e dall’analisi delle risultanze bancarie, come ad esempio l’accumulo di risparmio e disponibilità monetarie. Tali indagini verrebbero attuate grazie a un’attività di selezione effettuata con appositi software basati su precisi algoritmi e funzioni di calcolo.

Verifiche basate sui bassi risultati ISA e le risultanze bancarie

Queste tipologie di accertamenti saranno caratterizzate da una più rapidità di azione e di esecuzione tipica dei c.d. “accertamenti a tavolino” e contemporaneamente potranno affidarsi ad una buona probabilità e un’efficace base presuntiva dovuta alla significatività in chiave antievasione di tali responsi.

Pertanto, un giudizio di inaffidabilità ISA a cui si somma una gestione poco lineare delle disponibilità finanziarie, potrebbe mettere il contribuente in una posizione di accertamento difficilmente contrastabile.

Il contribuente, nel momento in cui ha un punteggio basso risultante dai nuovi ISA, e sa di avere delle risultanze bancarie da cui possono emergere situazioni pericolose fiscalmente, deve riflettere con attenzione su come migliorare il punteggio di sostanziale affidabilità fiscale. Tutto ciò per cercare di non accendere i riflettori sulla sua gestione finanziaria e di evitare un’attività di verifica.

Quindi, è di estrema importanza valutare i risultati del software “Il Tuo ISA 2019” prima di prendere una decisione al riguardo.

Conto corrente: spiati dalla lente di ingrandimento dell’evasometro. Ecco come funziona


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.